edilizia scolastica. 224MILA EURO DALLA REGIONE PER L’ITS FEDI

Ma ora anche il Governo batta un colpo sulle scuole
Baldi e Niccolai

PISTOIA. «La situazione dell’edilizia scolastica a Pistoia per gli istituti superiori, come da tempo la Provincia ha messo in evidenza, è davvero preoccupante. Com’è noto, la Regione non ha competenze dirette in materia di edilizia scolastica, ma prova comunque a dare un sostegno alle situazioni più urgenti per essere vicina agli studenti e alle loro famiglie.

Intanto, quindi, la Regione ha deciso di stanziare 224mila euro che saranno destinati a cofinanziare interventi per l’Itis Fedi di Pistoia, una scelta fatta sulla base delle priorità indicate dall’amministrazione provinciale.

Era un impegno che avevamo presto nei mesi scorsi e che stiamo mantenendo. Non ci fermeremo qua: lavoreremo per ulteriori interventi straordinari della Regione per le situazioni con la maggiore criticità, in stretto coordinamento con la Provincia.

Come si vede la situazione a questo punto è chiara: la Regione ha fatto tutto quello che poteva e anche oltre le proprie competenze, la Provincia, nonostante la situazione del bilancio, ha compiuto un importante lavoro, presentando nelle scorse settimane al bando sull’edilizia scolastica promosso dal Governo Gentiloni, ben 15 progetti relativi alle scuole che presentano le situazioni più urgenti.

Ora, sarebbe utile e auspicabile che intervenisse il Governo Nazionale che, per il momento, ha dato un solo segnale: cancellare la task force “Italiasicura/Scuole” che si occupava della riqualificazione dell’edilizia scolastica. In attesa che il governo batta un colpo, noi continuiamo a lavorare sul tema”.

Lo affermano Massimo Baldi e Marco Niccolai, consiglieri regionali del Pd, intervenendo sulla situazione degli istituti superiori a Pistoia.

[gruppo regionale pd]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento