IL TOSCANA PRIDE 2018? “UNA PARATA VOLGARE E ESIBIZIONISTICA A 9 MESI DAL CARNEVALE”

Noi per la famiglia toscana interviene sulla manifestazione in programma sabato 16 giugno a Siena
La locandina del Toscana Pride 2018

PISTOIA. Sarà una grande festa di piazza, il Toscana Pride 2018 di sabato 16 giugno a Siena: 70 eventi in programma fra convegni, spettacoli teatrali, mostre, film, incontri in Università, gare sportive, presentazioni di libri, musica, aperitivi e cene di raccolta fondi e culminerà nella parata con carri musicali e un ‘trenino’ composto da 65 bambini delle famiglie Arcobaleno

Migliaia le persone attese per assegnare a questa edizione della festa un significato inevitabilmente politico per diffondere una cultura del rispetto delle differenze e di una nuova primavera dei diritti con l’appoggio di circa 100 realtà associative e sindacali (in primis Arci, Cgil, Uisp e Anpas) e il patrocinio di 85 enti pubblici, fra cui la Regione Toscana, 7 province, e numerosi Comuni, grandi e piccoli, che sfileranno col loro gonfalone.

Una mobilitazione politica che vorrebbe coinvolgere tutti e tutte, nessuno escluso: donne, Lgbtqia+, migranti e diversamente abili per esprimere rifiuto al razzismo, sessismo, l’omo/ bi/ transfobia, e ogni forma di discriminazione.

Questa manifestazione nulla esprime — intervengono il presidente e il vice presidente di Noi Per La Famiglia Toscana, Ilaria Michelucci e Marco Spinelli — se non il folclore e l’esibizionismo di un ristretto numero di attivisti che non rappresenta nemmeno la maggior parte delle persone omosessuali, impegnate a vivere con riservatezza la propria vita. Una parata volgare ed esibizionistica quando al carnevale mancano 9 mesi.

Il logo di Noi per la Famiglia

Vogliamo contrapporci —  aggiungono i due esponenti di Noi per la Famiglia Toscana — alla decisione delle Istituzioni di autorizzare il corteo e inoltrare nelle prossime ore alle Istituzioni competenti una richiesta urgente di incontro per sollecitare un ripensamento e indurre gli interlocutori verso una differente decisione, coinvolgendo attivamente anche il neo Ministro della Famiglia Fontana.

Ci riserviamo inoltre di organizzare iniziative da mettere in campo per porre un argine alla deriva morale e culturale in atto nel Paese , per ribadire il concetto di famiglia naturale e riequilibrare il concetto di diritti e doveri che oggi è a sfavore della famiglia naturale sia sotto l’aspetto morale che sotto l’aspetto legislativo.

Una provocazione contro Regione, Province e Comuni per far loro presente che occuparsi di manifestazioni di orgoglio di genere non serve.

Che tornino alle cose importanti, a quello che è il senso e il ruolo di questi enti. Amministrare il territorio, perché le scelte in questo campo tornino ad essere personali e non appoggino manifestazioni divisive , tanto più se queste sono parate folkloristiche ed esibizionistiche.

Inoltre respingiamo nella maniera più totale il loro manifesto politico, che contrariamente al modello di famiglia naturale promuove la poligamia e l’utero in affitto, riducendo il figlio a un oggetto e capriccio, mercificando il corpo della donna e interrompendo con violenza e indebitamente il legame naturale tra madre e figlio.

Come respingiamo, sempre nel manifesto, la volontà di introdurre la teoria gender nelle scuole con corsi di formazione ai docenti e agli operatori scolastici in generale .In una società già molto complessa, certe filosofie, creano solamente confusione psicologica ai minori, che sapranno fare le scelte sessuali, la formazione e gli interventi psicoterapeutici ritenuti necessari in età adulta.

Contestiamo — continuano Presidente e Vice Presidente Toscano—  l’arroganza con la quale le associazioni del mondo omosessuale, con l’avallo puntuale e costante delle sinistre, pensano , senza il minimo rispetto, di poter sfilare liberamente per le strade della città offendendo molte famiglie ed i loro bambini con le loro carnevalate blasfeme in una ennesima fiera del nulla che non è integrazione ma solo propaganda.

Ilaria Michelucci Presidente Noi per la famiglia Toscana

Marco Spinelli Vice Presidente

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento