inceneritore. ISPRA INTERVIENE E DIFFIDA LADURNER

Ispra (Roma) risponde al comitato antinceneritorista e si complimenta per la sua attenzione e controllo del territorio. Ma gli organi di controllo dove erano?
Ferdinando Betti

MONTALE-AGLIANA. La lettera è stata inviata anche al Sindaco Betti che, alla prima lettura, sembra chiaro che non potrà lasciarla cadere nel dimenticatoio, trattandosi di una vera a propria diffida essendo lui certamente il responsabile per la sicurezza e la salute del territorio.

A scriverla è il Comitato per l’Ecolabel (etichettatura ecologica) e l’Ecoaudit (istruttorie per la certificazione Emas) firmata dal Presidente Dott. Paolo Bonaretti e viene portata in risposta alla denuncia effettuata dal Comitato per la chiusura dell’Inceneritore nello scorso maggio per la molto critica e severa relazione istruita da Arpat nel 2016, resa attuale dal nuovo e ripetuto “fermo impianto” del 20 agosto.

La Presidente del Comitato per la Chiusura dell’Inceneritore di Montale, Paola Gelli

La presidente del Comitato Paola Gelli, si confronterà sugli effetti della interessante risposta pervenutagli, con il coordinamento di Firenze, riservandosi di fare un comunicato stampa ad acta, e di spedirlo all’attenzione della competente Procura della Repubblica al fine di integrare l’inchiesta aperta.

L’Istituto Ispra, esprime finalmente – ci dice con malcelato orgoglio – il plauso per l’attenzione guadagnata in questi anni dal Comitato in merito al controllo sul territorio,  supplendo alle funzioni istituzionali che sono poste a carico di Usl e Arpat.

In margine trovate il link per la consultazione integrale della missiva per le vostre valutazioni.

950 Lettera Pres_Comitato_2017

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly

Lascia un commento