LA CITTÀ PERSA

«Nel bombardamento mediatico, il disorientamento è tale che tutti perdono la direzione e iniziano a sparare con l’artiglieria pesante: la più pesante che hanno»
Panorama di Pistoia

CAPIRE TUTTO – dice la Bibbia – e non meravigliarsi di niente. Ma a volte è davvero difficile, come nel caso del migrante di Don Biancalani.

Basta che si manifesti una situazione critica – e tale è lo spaccio per cui il giovane è stato pizzicato – e improvvisamente si innalzano barricate e muri più potenti e solidi della muraglia cinese.

Nel bombardamento mediatico, il disorientamento è tale che tutti perdono la direzione e iniziano a sparare con l’artiglieria pesante: la più pesante che hanno. E ovviamente spesso non capiscono, in maniera lucida, che stanno dando di fuori, magari sostenendo che “se fosse stata approvata la legge sulle droghe leggere, non sarebbe successo niente”…

Tante grazie! Ma il dato fattuale è quello che è e – volenti o nolenti – quell’arresto non poteva non fare notizia.

La città persa, Pistoia, frastornata anche dalla inattesa batosta Bertinelli/Tomasi, non ha saputo rispondere in maniera diversa da come ha fatto, divisa fra sostenitori e accusatori in una sorta – secondo il nostro pessimismo – di “tanto rumore per nulla”.

[Edoardo Bianchini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly

Lascia un commento