pianificazione provinciale. NO A DECISIONI CALATE SULLA TESTA DEI CITTADINI

Il senatore La Pietra interviene sulla recente approvazione del nuovo Piano territoriale di coordinamento della Provincia (PTCP)

PISTOIA. È preoccupante che la Provincia e il suo Presidente Rinaldo Vanni, che ormai ha perso quasi qualsiasi rappresentatività nel panorama dei Comuni del territorio provinciale, decida con una sorta di atto d’imperio il futuro di un territorio, tra l’altro senza neppure tener conto delle reali aspettative e della situazione attuale dell’attività vivaistica.

Il settore, uno dei motori trainanti dell’economia pistoiese, non ha certo bisogno di una riorganizzazione come quella contenuta nel nuovo Piano territoriale di coordinamento della Provincia (PTCP) approvato dal consiglio provinciale, non più rappresentativo di molti dei Comuni su cui vorrebbe imporre decisioni da calare sulla testa dei cittadini.

Patrizio La Pietra

Oltre a non valutare questioni chiave come quella della tutela ambientale, la Provincia vorrebbe ridisegnare urbanisticamente il territorio estendendo le aree vocate al vivaismo fino alla prima collina.

Questo dimostra la totale lontananza del Piano provinciale sia dal territorio locale, sia dagli operatori del settore verde.

È preoccupante come il Presidente Vanni voglia programmare il futuro di una provincia attraverso un consiglio ridotto al lumicino. Questa programmazione è l’ennesima dimostrazione del fallimento di una riforma disastrosa voluta dal Pd e avallata dai presidenti delle province.

Pensiamo a tutelare il settore e l’ambiente, con studi reali e pianificazioni non condivise, piuttosto che estendere alla collina i vivai senza alcuna logica.

Sen. Patrizio La Pietra- Portavoce Provinciale FdI Pistoia

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento