quarrata. “COLORI, LUCI E OMBRE… DI AUTORI LOCALI”

L'iniziativa del centro culturale Sbarra ha avuto un discreto successo di pubblico
La mostra 1

QUARRATA. “Colori, luci e ombre… di autori locali”. Questo il titolo della mostra di pittura organizzata dal centro culturale “Sbarra” Don Dario Flori, tenutasi a Quarrata nei locali del Polo Tecnologico in piazza Agenore Fabbri da venerdì 8 a domenica 10 settembre.

La mostra ha avuto un discreto successo.

Un nuovo evento che ha accompagnato il programma del “Settembre quarratino”, dando agli artisti esperti e meno emergenti la possibilità di esporre i propri lavori e mettere a confronto tecniche pittografiche e raffigurazioni di soggetti ben diversi.

Due opere esposte

“Abbiamo voluto organizzare, come tutti gli anni — spiega Marino Michelozzi, coordinatore del centro culturale Sbarra Don Dario Flori — un evento culturale che promuovesse artisti locali delle zone di Quarrata e Pistoia con l’intento di dare risalto e mostrare al pubblico opere sconosciute, e soprattutto di trasmettere curiosità verso un territorio ricco di creatività e di sorprese nel campo artistico a tutto tondo.

Perché come centro culturale, fin dalla nostra fondazione, ci siamo sempre appassionati a temi sociali e artistici esclusivi del nostro comune per poter tener viva la storia passata e attuale”.

“Inoltre — aggiunge Michelozzi — ricordiamo che tra gli artisti abbiamo avuto l’onore di ospitare pittori quarratini affermatisi nel panorama locale come Gianfranco Gaggioli, Graziano Vannucci, Loriana Capecchi e Giacomo Innocenti, e anche la partecipazione di pittrici pistoiesi come Grazia Rafanelli, Gloria Iozzelli e Tiziana Maccioni, facenti parte della scuola Corso di disegno ed uso del colore’ del comune di Pistoia, coordinata da Paolo Tesi’”.

[Sara Michelozzi]

La mostra 2
La mostra 3

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly

Lascia un commento