rugby. IL PD CHIEDE SPIEGAZIONI

Presentata l’interrogazione. “Per ora molti attacchi al passato, ma nessun fatto”
Orsi rugby Pistoia
Una tartaruga degli Orsi

PISTOIA. Come annunciato dal capogruppo Tripi nei giorni scorsi, il gruppo consiliare del Partito Democratico ha inviato al protocollo una interrogazione al sindaco per capire i criteri di assegnazione delle strutture sportive usati dall’amministrazione, a seguito della vicenda che ha coinvolto la squadra di Rugby Gli Orsi.

Rispetto a questo specifico caso, infatti, i consiglieri chiedono “le motivazioni che hanno portato al trasferimento della disciplina sportiva presso altro impianto (peraltro con una tempistica anticipata rispetto ai lavori su Pistoia Ovest, quindi tale da non permettere alla squadra di avere già da settembre le condizioni ottimali attese).

Il Rugby aveva infatti richiesto a gran voce di poter giocare alla struttura “Turchi”, dove peraltro a proprie spese avevano effettuato lavori. Si chiedono quindi anche “le azioni che si intende mettere in campo per risolvere la contingente impossibilità da parte della società di Rugby di svolgere la propria attività a pieno”.

Sono in totale otto le richieste fatte alla Giunta.

“Continuiamo ad essere costruttivi — spiega Tripi — e ci interessa che la questione si risolva per il bene degli sportivi. Non possiamo però fare a meno di notare che, nonostante la rivoluzione promessa, per ora nell’ambito dello sport tutto è fermo.

Approvati i finanziamenti a luglio per Pistoia ovest, e nessun lavoro partito. Nessun bando di assegnazione avviato. I percorsi da seguire per il nuoto pistoiese sono ancora un mistero e intanto perderemo un bando regionale per gli investimenti sull’impiantistica sportiva. Per ora si fa ancora campagna elettorale, ma a fatti siamo a zero”.

interrog_rugbysport_21sett

[pd pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly

Lascia un commento