terrorismo. POCHI ISLAMICI, POCHI ATTENTATI  

Il recente attentato terroristico islamico di New York ha permesso di fare delle stime sui “grandi numeri” con delle definizioni consolidate dalla storia recente
Franco Roberti

ROMA. L’analisi dell’esperto nazionale in materia di terrorismo è consolidata, grazie allo sviluppo dell’intelligence ed è giunta a una conclusione significativa: gli attentati dei terroristi islamici in Italia non ci sono, perché ci sono pochi islamici.

Per sillogismo, ne consegue che all’aumentare degli islamici, aumenterà – questo è matematico e non opìnabile – il rischio di attentatori e così, di attentati.

Lo ha detto il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, dopo l’attentato di New York.

Leggetèvela come vi pare: non serve andare a scomodare gli studiosi, qual è il noto accademico austriaco Ednan Aslan che nel suo ultimo contributo Razionalizzazione Islamica (lo studioso è musulmano e quindi non potrà essere tacciato di essere islamofobo) ha svolto lo studio intervistando decine di detenuti islamici la metà dei quali responsabili di attentati terroristici.

Secondo Aslan, i principali fattori di radicalizzazione sono tre: l’Islam, (studio approfondito della religione), la “frequentazione di imam e moschee radicali” e la “distinzione tra noi e loro” (dove loro, siamo noi occidentali) che è una sindrome mista tra vittimismo e sensazione di superiorità, ovvero una sorta di narcisismo islamico.

Queste due autorevoli valutazioni sono proposte da eminenti rappresentanti del mondo istituzionale che dovrebbero permettere agli scettici, buonisti, benpensanti e dunque politycally correct di comprendere quale relazione sussista tra aumento del numero degli islamici e aumento del rischio di attentati.

Insomma, se è vero che tutti gli islamici non sono terroristi, è dunque vero – e dimostrato – che tutti i terroristi sono islamici. Noi, potremmo dire di averlo scritto in chiaro e per tempo!

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly

Lascia un commento