coronavirus & trappole. POLITICI DEL MENGA, FATE MENO SCENA! E TU, CONTE, RISPETTA L’ITALIA INVECE DI VOLERCI IMPORRE IL MEF E MANDARCI AL MACELLO PIÙ DI QUANTO GIÀ LO SIAMO!

Terzo Millennio e conquiste della sinistra: 30 centesimi al mese per i pensionati, 3 € al giorno per gli sfruttati. E Zingaretti aumenta gli stipendi ai suoi…

E FIGLIE SO’ PIEZZ’ ’E CORE
MA RA GETTÀR INT’ ’A MUNNEZZA


Rosa Scelta, segretaria territoriale del Nursind

 

di ROSA SCELTA
Segretaria Territoriale Nursind Pistoia
________________________________

 

Caro direttore,
ti affido con orgoglio, affinché tu lo possa pubblicare, uno dei tanti messaggi che i colleghi infermieri, mi stanno inviando in questi momenti di profonda paura ed angoscia.

T’invio questo, scelto tra tutti, perché sono state trasformate in parole la sofferenza, l’umiltà di dichiarare di provare paura e comunicate con dignità ed estrema professionalità.

Ho inviato un vocale ad una collega che mi aveva messo al corrente della sua stanchezza psicofisica e della paura che ogni giorno provava nel recarsi al lavoro e di come poi, si riportasse tutto il fardello, di nuovo a casa.

Le ho chiesto come si sentisse e le ho riferito che avrei provato a chiedere alla Dirigente di far dare a tutti loro, operatori di uno dei tanti reparti Covid dell’Ospedale San Jacopo, qualche giorno di riposo.

In alcuni reparti si stanno facendo anche turni di 12 ore, si sta lavorando per più e più turni notturni consecutivi.

Con una dolcezza infinita mi viene risposto:

Se fossero noccioline e addormentasuocere il personale dovrebbe vestirsi così?

Rosa, io non ce la faccio più, ma stringo i denti e vado avanti. Siamo 10 operatori per turno ma non siamo protetti abbastanza. Mascherine sempre meno… E poi si muore in quelle tute, sudati mezzi, ci strizziamo. E poi pure io propongo un po’ di riposo a tutti, riposo di qualche giorno a casa. A livello psicologico è tanta roba.

Io stamani ho pianto dalle 6 quando hanno intubato un ragazzo del ’72 che ha voluto chiamare la moglie per dirglielo: “Amore, mi intubano… un bacio”; e sentire la moglie urlare nooooooo ; a quel punto il nostro pianto ha fatto sì che non vedevamo nulla… Rosa, aiutaci… Ho avuto anche 2 decessi Covid.

Fino a ieri salvavano le persone del ’20, ma poi quando senti un medico che ti dice si cambia metodo di lavoro… ma come si fa a sopportare tutto, Rosa… E poi ti voglio dire un’altra cosa…

Per i decessi di stanotte, il necroforo ci porta dei sacchi neri, grossi, dove dobbiamo mettere le salme, metterle “sulla silenziosa” (la barella coperta, con cui vengono trasportate le salme, dai reparti in obitorio) e portarle fuori… Anche quest’altro passo così dolente, dobbiamo fare…

Ecco caro direttore, affido a te ed al tuo giornale un frammento di immenso dolore. Ho seguito il modo con cui la tua testata giornalistica segue le vicende di questi giorni, ho letto la vicinanza tua e dell’intera redazione, agli operatori che sono in prima linea, in questa guerra.

Ho promesso di aiutare i colleghi in tutti i modi possibili. Far uscire queste parole da una chat personale di WhattsApp, può servire a far capire la disperazione che la nostra professione ci fa toccare e provare…

Ora dobbiamo prepararci ad affrontare l’assistere in quei letti i nostri stessi colleghi che cominciano ad ammalarsi ad uno ad uno; il mio pensiero e quello dei colleghi della Segreteria di Nursind Pistoia, va a tutti i colleghi impegnati, che danno il massimo lottando prima contro l’umana paura e poi contro la disorganizzazione e contro disposizioni schizofreniche, che cambiano di ora in ora, su come si deve affrontare l’assistenza, su come usare i dispositivi e su come si riutilizzano o su come si devono far durare di più, perché non ce n’è abbastanza…

E poi la fatica di dover lottare contro alcun figure “ibride” metà colleghi e metà dirigenti, che credono di essere un gradino più su di te, che ti gridano in faccia che sei un inetto o che sei un rompicoglioni e che esageri con le richieste di garanzia di sicurezza.

Il San Jacopo sta letteralmente scoppiando

Oppure ti trovi a subire le “sclerate” di qualche impiegato in amministrazione a cui non devi nemmeno permetterti di telefonare, per avere un chiarimento su come usufruire dei diritti che un Stato “compassionevole e riconoscente” del sacrificio di ognuno di noi “eroe”, ha sparpagliato nel decreto Salva Italia, perché lui, l’amministrativo, è a rischio, a lui… non hanno concesso lo smart working, a lui… e tu, infermiere, ti permetti di telefonare in un momento così!

Il pensiero va ai colleghi che si sono ammalati, che sono ricoverati così come è successo a Giovanni (torna presto in sesto, dobbiamo riprendere da dove abbiamo lasciato, il nostro antagonismo sindacale) piuttosto che a Francesco, piuttosto che a Raffaella che insieme alla propria figlia è in quarantena, piuttosto che ai colleghi medici con cui siamo stati gomito a gomito; e va a tutti quei colleghi di cui non sappiamo e a tutti coloro che finalmente sono stati sottoposti al tampone e aspettano con apprensione, di conoscerne il risultato.

Grazie direttore, grazie per dar voce alla paura che ci attanaglia la gola, che ci fa scendere lacrime tutte le volte che sentiamo un collega che vuole mollare, che vuole licenziarsi, che si sente in colpa perché ha gli attacchi di panico, perché non si sente all’altezza della situazione, perché vorrebbe scappare come primo istinto, ma poi si prepara consapevolmente, con quella penuria di presidi che gli vengono messi a disposizione, ingoia il groppo ed entra…

Rosa Scelta
Segretaria Territoriale Nursind Pistoia


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email