700MILA EURO, UN COSTO A DIR POCO STRATOSFERICO

Il plinto di cemento armato nel giardino di via degli Armeni
Il plinto di cemento armato nel giardino di via degli Armeni

PISTOIA. Rispetto al Progetto del Giardino Cordiale (ora rinominato Volante) in via degli Armeni, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio, abbiamo espresso tutti i nostri dubbi in Consiglio Comunale facendo anche degli emendamenti al bilancio per rimandare l’opera.

In particolare ci è sembrato eccessivo il costo di oltre 700.000 euro in un periodo come questo anche se finanziato da privati. Il giardino, che sorge nell’ex vivaio Capecchi, poteva forse essere recuperato con meno risorse e solo gradualmente arricchito con opere d’arte.

Passando davanti si vede che sono iniziati i lavori e una cittadina residente in zona mi ha girato questa mail che ha inviato a Pistoia Informa:

Dando seguito alla comunicazione telefonica all’Ufficio Pistoia Informa, voglio segnalare una serie di cose legate all’inizio dei lavori per la valorizzazione del giardino di villa Capecchi:

  • 1) Sono stati disattivati la metà dei posti auto per residenti e non, per un periodo sproporzionato, dal 28 luglio al 28 settembre, al solo scopo di favorire il passaggio occasionale di autobetoniere destinate al recupero del giardino.
  • 2) È stato realizzato un enorme plinto in calcestruzzo armato, circa cinque per cinque metri, non voglio sapere destinato a sostenere cosa, ma per realizzare il quale sono state tranciate le radici di una antica e bella magnolia.

A prescindere dal danno al giardino e alle opere monumentali che si vuole realizzare (avevo capito che doveva essere un giardino specializzato per l’infanzia) vorrei chiedere di riesaminare il bizzarro provvedimento, determina dell’ufficio mobilità, relativamente allo scippo, per due mesi, di diverse decine di posti auto, soltanto per i comodi di una ditta che comunque potrebbe, per i giorni destinati al passaggio, mettere e togliere i divieti.

Ringraziando per la cortese attenzione.

Effettivamente qualche dubbio viene. Dal cancello si vede per ora una terribile colata di cemento che dovrebbe servire da base per un’opera d’arte. Ce ne saranno ancora? Gli alberi presenti verranno preservati?
Per meglio capire intanto ho provveduto a fare un accesso agli atti per vedere il progetto finale.

Alessandro Tomasi

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “700MILA EURO, UN COSTO A DIR POCO STRATOSFERICO

Lascia un commento