A SANTA LUCIA INAUGURATA LA PANCHINA GIALLA INTITOLATA A GIULIO REGENI

A 4 anni dalla uccisione del giovane ricercatore italiano ucciso in Egitto la cerimonia collegiale presso l'anfiteatro Dorval Vannini. E stasera la fiaccolata con partenza alle 19,20 da piazza del Comune
Il sindaco e l’assessore

PRATO. [a.b.] Stamani tra le sei panchine gialle intitolate a Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano rapito, torturato e ucciso a Il Cairo il 25 gennaio di quattro anni fa, è stata inaugurata anche quella posta in prossimità dell’anfiteatro Dorval Vannini di Santa Lucia
A fianco della panchina è stata posizionata una targa con queste parole:

A Giulio Regeni, nato a Trieste il 15 gennaio 1988, ricercatore italiano per l’Università di Cambridge. Rapito a Il Cairo il 25 gennaio 2016. Torturato e poi ucciso. Il suo corpo è stato ritrovato il 3 febbraio 2016 

Al taglio del nastro hanno partecipato tra gli altri il sindaco di Prato Matteo Biffoni e l’assessore alla Pubblica Istruzione Ilaria Santi.
“La Città di Prato – ha detto Biffoni — continua a chiedere Verità per Giulio Regeni. Una verità che aspettano i suoi genitori, i tanti ragazzi come Giulio che sono ad approfondire i loro studi nel mondo, tutta l’Italia. A Prato e nei comuni della provincia abbiamo messo sei panchine gialle, per non dimenticarlo mai. E non smetteremo di chiedere verità finché i genitori di Giulio non avranno certezze”.

Stasera alle 19,20 in piazza del Comune è previsto un ritrovo per l’accensione delle luci per la fiaccolata.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email