A SOSTEGNO DEI PIÙ DEBOLI NASCE “DURANTE E DOPO DI NOI”

Bettarini, Saccardi e Fanucci in Regione
Bettarini, Saccardi e Fanucci in Regione

FIRENZE-VALDINIEVOLE. [a.b.] Ieri pomeriggio, insieme a Marisa Biancardi, presidente dell’associazione di famiglie di disabili “Tuttinsieme”, il presidente e il direttore della Società della Salute della Valdinievole, Daniele Bettarini e Claudio Bartolini, e la dottoressa Lorena Paganelli (responsabile dei Servizi Sociali della Società della Salute), l’onorevole Edoardo Fanucci (Pd) ha incontrato la Vicepresidente della Regione Toscana e assessore al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi.

L’incontro, positivo e molto costruttivo, ha consentito di presentare un progetto innovativo su cui la Società della Salute della Valdinievole lavora da tempo. Il percorso immaginato prevede l’avvio di azioni concrete finalizzate al sostegno e allo sviluppo delle Fondazioni di Partecipazione per i progetti del “Durante e Dopo di Noi”, pensate per i ragazzi disabili e per le loro famiglie, oltre allo sviluppo di reti sociali a sostegno dell’Inclusione sociale in favore delle fasce più deboli della popolazione. La filosofia alla base del progetto è quella di personalizzare i percorsi a seconda delle specifiche esigenze rifiutando l’idea che le persone disabili abbiano tutte le stesse necessità. Obiettivi sono: l’inclusione, l’integrazione, la lotta all’isolamento e l’autonomia. “Occorre sperimentare nuovi modelli per la gestione del servizio –  spiega l’onorevole Fanucci  –  utilizzando, ad esempio, piccole strutture ed appartamenti dove i ragazzi possono provare ad organizzare il tempo in autonomia sperimentando forme di convivenza e di gestione delle proprie attività. Un progetto ambizioso, che vedrà il coinvolgimento attivo del Terzo Settore, degli Enti locali e del mondo universitario, nella logica di contaminazione delle esperienze, con l’obiettivo, se necessario, di contribuire a migliorare la normativa regionale vigente, attraverso la sperimentazione di modalità più efficienti per la gestione dei servizi”.

Risale a maggio 2013 l’approvazione da parte della Società della Salute della Valdinievole dello Statuto della Fondazione di Partecipazione, punto di arrivo di un percorso nato in anno 2008 la SdS insieme alle Associazioni dei Familiari delle persone portatrici di handicap (TuttInsieme e Azzurra) , alla Pubblica Assistenza di Uzzano, alla Cooperativa Sociale La Spiga di Grano, e alla Cooperativa Sociale La Fenice hanno iniziato un percorso volto ad affiancare ai servizi tradizionali e strutturati e radicati per le persone disabili (i 5 centri socio-riabilitativi) un percorso innovativo e obiettivo di realizzare momenti di autonomia e di vivere lo spazio di una dormire senza i genitori, preparare la cucina e il pranzo, pulire le Il progetto inizialmente ha coinvolto 15 ragazzi disabili, ma con lo scorrere del tempo il progetto si è affinato, migliorato nei suoi obiettivi e metodologie ed è sostanzialmente cresciuto, fino al 2013 dove la SdS ha impegnato 140.000 euro, con attività più lunga e strutturata che ha coinvolto oltre 60 persone disabili. interno di questo percorso, che ha visto il coinvolgimento delle Associazioni, delle Amministrazioni Locali, delle Cooperativa Sociali e di singole persone è idea di costituire una Fondazione di Partecipazione, un ulteriore strumento della Valdinievole per offrire percorsi di tutela, assistenza e accompagnamento delle persone disabili.

La FdP si caratterizza per essere in quanto consente agli enti pubblici e ai soggetti privati del territorio (famiglie, Istituti di credito, associazioni di volontariato) di unire le proprie capacità, esperienze, risorse personali ed economiche per la realizzazione di uno scopo comune e immodificabile: assistere e accompagnare persone portatrici di handicap verso la realizzazione di soluzioni residenziali, dove la persona possa condurre percorsi graduali di autonomia.

Recentemente è sorto il coordinamento toscano per il “Durante e dopo di noi” che riunisce le associazioni che si occupano in Toscana della vita della persona disabile quando non potrà contare più sulla sua famiglia. Di questo coordinamento fa parte anche l’associazione Tuttinsieme che nei mesi scorsi ha presentato il progetto CasAmica realizzato in collaborazione con il Comune di Montecatini Terme e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Progetto che si inserisce nel percorso già avviato con la Società della Salute della Valdinievole “Durante e Dopo di noi”.

andreaballi@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento