abetone cutigliano. IL SINDACO CHIUDE IL PONTE DEI MANDRINI (E IL RAPPORTO DI FIDUCIA CON IL PRESIDENTE MARMO)

Dalla mezzanotte non ha più vigore l'ordinanza del sindaco Diego Petrucci che esprime sconcerto e imbarazzo nei confronti della Provincia e del suo presidente
Ponte dei Mandrini

ABETONE CUTIGLIANO. [a.b.] Da martedì 7 gennaio il Ponte dei Mandrini non sarà più aperto.

Lo ha comunicato con un post su facebook il sindaco Diego Petrucci che ha ricordato che dalla mezzanotte l’ordinanza non sarà più in vigore e che nella mattinata del 7 saranno riposizionati di nuovo i blocchi di cemento.

Nell’annunciare la “decadenza” naturale della propria ordinanza adottata il 23 dicembre scorso nonostante il parere contrario della provincia di Pistoia il sindaco di Abetone Cutigliano ha voluto fare “per punti” le seguenti considerazioni:

1. Voglio ringraziare il gruppo Alpini di Cutigliano e le decine di volontari di ogni età che con la loro generosa presenza hanno garantito il controllo continuo del traffico ed il rispetto delle prescrizioni che avevo inserito nell’ordinanza. Abbraccio tutti, uno per uno, è stata una grande dimostrazione di senso di appartenenza e di comunità!

Diego Petrucci

2. Voglio ringraziare anche il Comitato per la SP 20 per la loro capacità di tenere alta l’attenzione e per le prese di posizione pubbliche, all’insegna della responsabilità e della determinazione.

Purtroppo non una sola presa di posizione pubblica da parte del gruppo di minoranza; dai due ex sindaci di Abetone e Cutigliano, che tutt’ora siedono in consiglio comunale, neppure un sms e, molto francamente, non me lo aspettavo; anzi mi auguravo che anche la minoranza avesse condiviso pubblicamente questa iniziativa, per renderla ancora più forte! Peccato.

Luca Marmo

3. Provo sconcerto ed imbarazzo nei confronti sia della Provincia come istituzione, sia nei confronti del Presidente, Luca Marmo.

Neppure nel momento in cui mi sono preso io personalmente tutte le responsabilità del caso, firmando l’ordinanza del 23 dicembre, hanno voluto collaborare per una soluzione di buon senso; anzi hanno violato la normativa di riferimento, creando un imbarazzo istituzionale senza precedenti!

Nei confronti del Presidente Marmo è definitivamente venuto meno qualsiasi rapporto di fiducia, che sarà duro da ricostruire.

4. Adesso Marmo deve rendere pubblica la corrispondenza tra gli uffici della provincia e la ditta che si è aggiudicata i lavori, per chiarire in maniera precisa e puntuale i tempi!!! Delle sue parole non mi fido più! E nel caso in cui non vi fosse certezza sulle tempistiche per la esecuzione dei lavori e sulla conseguente riapertura definitiva del ponte, andranno presi altri provvedimenti da parte delle Istituzioni tutte! Io, di certo, non mi tirerò indietro.

“La nostra montagna – conclude Diego Petrucci – ha bisogno di gente coraggiosa e determinata, grazie ancora a tutti coloro che ci credono e come sempre Viva la Montagna!”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email