ACCORDO SLOW FOOD E COMUNE DI MONTECATINI

Il Sindaco, gli Assessori e Daniele Buttignol, Marco Mazzalon (Fiduciario Slow Food Valdinievole) e Raffaella Grana (presidente slow Food Toscana)
Il Sindaco, gli Assessori e Daniele Buttignol, Marco Mazzalon (Fiduciario Slow Food Valdinievole) e Raffaella Grana (presidente slow Food Toscana)

MONTECATINI. È stato siglato questa mattina in sala consiliare il protocollo d’intesa tra Comune di Montecatini e l’associazione Slow Food Italia, che si propone di evidenziare e comunicare la dignità culturale delle tematiche legate al cibo, al vino e altre bevande, all’alimentazione e alle scienze gastronomiche nel loro complesso, contribuire al rafforzamento dei legami dei prodotti di qualità con i loro territori, nell’ottica della salvaguardia della biodiversità, oltre all’educazione alla cultura alimentare di cittadini e delle giovani generazioni, alla promozione della pratica di una diversa qualità della vita, fatta del rispetto dei tempi naturali, dell’ambiente e della salute dei consumatori.

Slow Food Italia e il Comune di Montecatini Terme, con la sottoscrizione del Protocollo d’intesa si impegnano, nel rispetto delle reciproche competenze e delle risorse finanziarie disponibili, a individuare nei seguenti interventi le priorità progettuali per il raggiungimento dell’obiettivo della valorizzazione del territorio:

  • partecipazione del Comune di Montecatini Terme, con tariffe riservate e agevolate, ai principali eventi organizzati da Slow Food, quali Terra Madre-Salone del Gusto a Torino e Cheese a Bra;
  • partecipazione del Comune di Montecatini Terme, con tariffe riservate e agevolate, alle presentazioni della Guida Osterie d’Italia o alla fiera Vinitaly di Verona o alle presentazioni nazionali della guida Slow Wine;
  • partecipazione del Comune di Montecatini Terme, con tariffe riservate e agevolate e con il riconoscimento dell’esclusiva per la categoria “destinazione turistica”, alle presentazione internazionali (Usa, Europa, Asia) della guida Slow Wine;
  • sensibilizzazione di produttori, commercianti e operatori della ristorazione e del settore alberghiero al recupero dei prodotti di qualità e tradizioni del territorio attraverso l’organizzazione di attività formative specifiche, al fine di svilupparne la professionalità e la consapevolezza nella scelta dei prodotti e di qualificarne l’offerta di ospitalità;
  • realizzazione di progetti di educazione alimentare con specifici interventi nelle scuole, in particolare nell’Istituto Professionale di Stato “F. Martini”, con particolare riferimento ai progetti educativi di Slow Food quali strumenti di riflessione su cibo, agricoltura e cultura ambientale;
  • redazione di uno strumento editoriale per la valorizzazione della cucina del territorio, anche attraverso l’esperienza e la tradizione degli alberghi e delle strutture ricettive;
  • organizzazione del meeting della rete internazionale del progetto “Alleanza Slow Food dei cuochi”;
  • organizzazione di un evento per valorizzare le cucine regionali;
  • realizzazione nel 2018, a Montecatini Terme e nella Valdinievole, del IX Congresso Nazionale di Slow Food Italia che vedrà la presenza di una platea di circa 1000 partecipanti, composta da giornalisti, opinion leader e rappresentanti di Slow Food Italia provenienti da tutto il territorio nazionale.

Il presente Protocollo d’intesa ha validità dalla data di sottoscrizione sino al 31 dicembre 2018.

Ecco le dichiarazioni in conferenza stampa di Daniele Buttignol, segretario e direttore generale di Slow Food Italia. “Questo protocollo sancisce un importante passo nel percorso che ormai accomuna Montecatini Terme e Slow Food Italia, un percorso che ha i suoi elementi caratterizzanti nella centralità del cibo e nell’importanza del territorio e che è sintetizzato dal tema del prossimo Terra Madre Salone del Gusto e dei 30 anni di Slow Food Italia: Voler bene alla terra. Grazie alle iniziative che organizzeremo a Montecatini contribuiremo a puntare l’attenzione su questi argomenti, in un viaggio che ci porterà al Congresso nazionale di Slow Food Italia nel 2018”.

Il Sindaco Bellandi in precedenza aveva aperto i lavori. “Grazie a chi ha creduto in questo accordo, ci aspettiamo ottimi risultati dal connubio dello stile di vita proposto da Slow Food e dalle eccellenze di Montecatini e del territorio che ci circonda. Mi piace definirla una comunità ampia, un nuovo matrimonio per creare un rapporto speciale con Slow Food, a cominciare dai prossimi passi, fino al congresso nazionale della condotta già previsto a Montecatini per il 2018”.

L’assessore al turismo Alessandra de Paola. “Praticamente ogni studio statistico sul turismo ci insegna che per promuovere bene il brand toscana e quindi Montecatini Terme dobbiamo associare quel che ci contraddistingue, ovvero il buon cibo, che proviene da una terra coltivata e ordinata in maniera sostenibile e diretta, e che quindi contribuisce a creare quel paesaggio umano e naturale così importante per la nostra regione. Slow Food Italia è ambasciatrice di valori positivi, di quanto di buono l’Italia, la Toscana e quindi la nostra terra possono offrire, quindi per noi promuoversi con loro significa veramente dare la migliore immagine di noi stessi”.

Bruno Ialuna, assessore alla cultura. “Slow Food promuove tanti eventi con un processo educativo davvero da imitare. Una serie di contatti iniziati tramite Food And Book che ha portato alla presentazione della guida Slow Wine lo scorso anno. Siamo lieti di poter annunciare un accordo triennale che porterà un valore aggiunto a tutti, con una promozione importante per il nostro territorio. Obiettivo, far diventare il mese del buon cibo, del buon bere e del buon libro a Montecatini”.

[baccellini – comune di montecatini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento