agliana. E ORA SIAMO AL TOTO-GIUNTA

Team-Benesperi, un trauma per la cittadina-feudo del Pd dove gli assessori furono sempre selezionati non in base alle competenze ma alle garanzie del «sì»
Il Comune di Agliana è alla svolta finale

AGLIANA. Se Luca Benesperi ha ricevuto i complimenti anche da Gisborne (Nz) è probabilmente merito dei social e quindi per riflesso anche della nostra testata, che ha correttamente informato i lettori/elettori delle notizie scandalose sulle precedenti amministrazioni rosse: un Pane e Rose fatto di sperperi, assenze e regalìe a Tvl-Bardelli e alla Unipol.

Vladimir Luxuria, sarebbe un assessore perfetto per il suo genere mix gradito ai democratici laici e presbiteri

Sulla nascente giunta, non vi daremo alcun nome: grande è la confusione sotto al cielo e dunque, tutto procede per il meglio.

Dei fantasisti hanno anche riportato (boooooom!) che sarebbero riconfermati alcuni componenti della giunta macedonia di Giacomo Mangoni, il quale – e questo ce lo ha detto lunedì 10 – si ritirerà dalla politica, lasciando il posto al Presidente Fabrizio Nerozzi per una automatica surroga.

La novella è davvero ridicola e chi l’ha detta, o solo pensata, farà bene a ridimensionarsi un po’, riqualificando la naturale prevalenza/arroganza dei partiti sugli imput di scelta dei nuovi assessori.

La Lega ha speso poco nella campagna elettorale sfruttando l’appeal politico del Matteo nazionale (anche quello piddìno, ovvero entrambi, sinergicamente) e chiede molte poltrone; Forza Italia si proporrà con il “canto del cigno” di nonno Silvio con una buona presenza di donne e si accontenterà; Fratelli d’Italia che – dopo una dura campagna elettorale e una rosa di candidati sicuramente autorevoli e capaci (come dimenticare il grande lavoro di scavo e riporto del Consigliere Fabrizio Baroncelli per la sua efficienza ed efficacia nel recupero delle delibere “drogate”) si troverà, con giusta causa e motivazione, a rivendicare il suo ruolo in Giunta ovvero negli assessorati principali: Urbanistica, Personale, Ambiente e Bilancio.

Non è possibile capire se nella giunta nascente saranno prevalenti la competenza e il merito, la fidelizzazione (partitocratica direbbe Pannella) o le quote rosa: sì, perché c’è anche questo ridicolo fattore da tener di conto, ancorché sia completamente sciocco, almeno nella sostanza.

Presto anche Silvio a Agliana? Il Pd spira!

Come si potrà immaginare di sostituire un assessore competente che, per questioni di appartenenza di genere, dovrebbe essere sostituito con uno incompetente, ma con genere contrapposto? Ci vorrebbe Luxuria.

La giunta dovrebbe essere partorita entro mercoledì, massimo giovedì di questa settimana e tutti riportano che Benesperi dovrà essere attento alle sollecitazioni dei partiti: la giunta è una risorsa, ma potrebbe anche diventare un fardello e non poco pesante, vista la mancanza di politici esperti tra i neo-eletti della Lega, il che potrebbe anche rallentare le attività dell’amministrazione.

Agliana sarà un laboratorio di rilevanza nazionale, dove i partiti di centro destra potranno allenarsi nella palestra sperimentale di un piccolo comune per sviluppare una coalizione improntata davvero al servizio della comunità.

Potrebbe essere un’esperienza di esempio per arminizzare il dialogo nel centro destra, ma serve – come sempre – umiltà e spesso non basta…

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email