AGLIANA. FALLISCE LA TRATTATIVA SULLE PRESIDENZE DELLE COMMISSIONI

Le opposizioni abbandonano la riunione dei Capigruppo. Le posizioni di Volterrani (Obiettivo Agliana) e Guercini (Agliana in Comune)
Fabrizio Volterrani
Fabrizio Volterrani

AGLIANA. [a.b.] Fabrizio Volterrani, capogruppo di Obiettivo Agliana interviene pubblicamente a proposito della riunione dei capigruppo e sul mancato accordo per le presidenze delle commissioni consiliari. Un’analisi chiara condivisa anche dal capogruppo di Agliana in Comune Alberto Guercini.

“Demoralizzante serata in Comune, alla riunione dei CapiGruppo. Si doveva trovare un accordo per le Presidenze delle Commissioni, che sono cinque come il numero dei Capigruppo: la maggioranza aveva proposto (nell’incontro precedente) all’opposizione la “Presidenza di due commissioni e la vicepresidenza di tre.

Come in tutte le normali trattative le opposizioni avevamo richiesto qualcosa in più. Visto la parità di cinque commissioni e cinque capigruppo, chiedevamo di ottenerne una per ciascuno con diritto di scelta in funzione della percentuale di voti raccolti e quindi del numero dei cittadini rappresentati.

“Va detto che la Presidenza ha soltanto una funzione organizzativa, nulla di più. Però è un segnale di presenza per tutti i cittadini aglianesi consapevoli.

Il Presidente del Consiglio Comunale di Agliana, aveva convocato un nuovo incontro con tutti i capigruppo per trovare, come più volte da lui sottolineato (il Presidente è stato eletto dalla maggioranza ed è il primo degli eletti del PD), un punto di mediazione tra le richieste e le offerte.

“Nonostante l’opposizione sia enormemente variegata (destra, centro destra, M5S e sinistra vera) avevamo immediatamente trovato un nuovo accordo e proposto al capogruppo Pd, l’accettazione della loro proposta ( vale a dire due Presidenze di Commissioni e tre vicepresidenze) ma con la variante che almeno fosse l’opposizione a scegliere….

“È incredibile ma vero. La maggioranza ci aveva convocato come gruppi di opposizione per trovare una soluzione, una via d’incontro, ma loro non avevano altro da offrirci che quanto presentato dieci giorni fa.

“Convocare quattro consiglieri per trovare un accordo e poi non avere alternative… è veramente demoralizzante. Vuol dire non sapere cosa significa “trattativa”. Sarebbe stato meglio che ci fosse stato detto “noi offriamo questo. Se vi va bene altrimenti arrivederci”. “Era una imposizione… ma meglio di una finta trattativa.

“L’opposizione (perché a me il termine minoranza non piace e io mi sento perfettamente riconosciuto dal termine Consigliere Comunale dell’opposizione) ancora una volta in tre minuti ha trovato un accordo: tutti in piedi e arrivederci. Si è ringraziato per la fresca serata in Comune e abbiamo declinato ogni incarico in questa Amministrazione. Ora il problema non è una presidenza o meno.

“La cosa che mi spaventa di più è che o non sono pronti al ruolo che sono chiamati a ricoprire (basta vedere a proposito anche la questione della Consulta dello Sport) oppure sono consigliati male… in entrambi i casi rimango amareggiato e preoccupato. Un saluto a tutti gli elettori di Obiettivo Agliana e anche a tutti quelli che andando a votare lo hanno fatto con le migliori intenzioni”.

Fabrizio Volterrani (Capogruppo Obiettivo Agliana)

Alberto Guercini
Alberto Guercini

“Voglio condividere – ha scritto invece Alberto Guercini – l’analisi chiara di Fabrizio Volterrani su quello che è successo nella Conferenza dei Capigruppo. Io sono uscito preoccupato, non solo per la decisione di rompere con la passata amministrazione per quanto riguarda l’apertura verso la maggioranza (l’opposizione aveva ben tre Presidenze), ma per il modo superficiale e irrispettoso in cui ci hanno trattato.

“Il Pd deve capire che in Consiglio vi è un’opposizione che ha preso il 48,5% dei voti alle ultime elezioni, con cui per il bene di Agliana e degli aglianesi deve collaborare. Purtroppo in due mesi si sono verificate troppe situazioni spiacevoli (come la Presidenza del Consiglio Comunale e la Consulta dello Sport) che smentiscono con i fatti la loro pseudo volontà di collaborare tanto dichiarata nel primo Consiglio Comunale.

“Noi di Agliana in Comune ci impegneremo sempre nel ricercare un vero dialogo con tutte le forze politiche, le associazioni e i cittadini, con l’unico scopo di portare avanti esclusivamente l’interesse degli aglianesi!”.

Guercini ha annunciato poi l’imminente presentazione di una mozione sulla Democrazia Partecipata volta a modificare l’articolo 72 dello statuto comunale per permettere ai cittadini, alle associazioni ed ai comitati “il diritto di partecipare alle sedute, ogni volta che venga richiesto, per illustrare una proposta concreta al Comune.

“Una proposta che riteniamo – conclude – risponda a requisiti di civiltà e democrazia a maggior ragione in una piccola realtà come la nostra”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “AGLIANA. FALLISCE LA TRATTATIVA SULLE PRESIDENZE DELLE COMMISSIONI

  1. La politica, è contrapposizione, alle volte anche dure, fra opinioni diverse,vi deve essere rispetto ma, non di più.
    E’ mia opinione, da parte di qualcuno, è stata una campagna elettorale, con troppo ” fair play “.
    Bella cosa chiedere, il diritto di parola ai cittadini e… quando non concedono la presidenza del consiglio comunale all’opposizione, vedete questo video del consiglio comunale di Montale del 16 luglio 2014:

    http://youtu.be/dmzwX0IHSIg;

    Guardate il comportamento del presidente del consiglio Montalese(della maggioranza) Tiziano Pierucci, verso l’interpellante e verso il sindaco che, replicava…

    Chiediamo invece, dopo oltre venti anni che, è stato inserito nello statuto comunale, la nomina del difensore civico, quello si che, sarebbe utile ai cittadini e all’opposizione.

    Solo i numeri e i fatti reali possono mettere in difficoltà, qualsiasi politico.

    Scusate il disturbo,
    Pier Vittorio Porciatti

Lascia un commento