AGLIANA: IL CASO NESTI-GODUTO IN “SALSA DIETROLOGA”

Ma la bilancia funzionerà davvero...?
Ma la bilancia funzionerà davvero…?

AGLIANA. Noi detestiamo la dietrologia e ci auguriamo che il dott. Giancarlo Coraggio, Presidente del Consiglio di Stato, quando si è presentato alla pattuglia della GdF che si era recata ad arrestare il cognato, si sia fatto avanti davvero e solamente per prestare soccorso e aiuto psicologico al membro della sua famiglia, buttata giù dal letto all’alba per gravi – poi dimostrati giustificati – ipotesi di reato e illeciti giudiziali dell’inquisito. Coraggio poteva meglio esibire, agli agenti impegnati in una perquisizione, la sua carta di identità, restando quindi anonimo? Purtroppo non sembra che sia andata così.

Al dott. Coraggio – nominato dal Presidente Napolitano – avevamo scritto una lettera intrisa di speranza nel luglio 2012, al fine di sollecitarlo per l’esito della inaudita vicenda “Nesti-Goduto” che sembra continuare a turbare la pace degli amministratori e dei cittadini di Agliana. La lettera, è servita a ben poco, come potrete vedere dal caso ancora irrisolto, perché lo stato e i suoi rappresentanti di solito non leggono e non rispondo mai. O se lo fanno sembra che sia solo una mossa

Chi ama la dietrologia, invece, potrà procedere nelle più fantasiose valutazioni del caso, dato che l’esito del contenzioso Nesti-Goduto (la questione di chi fosse il legittimo comandante della Polizia Municipale di Agliana) era atteso nel dicembre 2011 (tre anni fa!) ma sembra che sarà chiuso da un pronunciamento il prossimo 18 dicembre, cioè dopo più di mille giorni, con un pesante aggravio di costi per il proseguimento di una controversia temeraria che rischia di riversarsi implacabilmente sulle spalle dei cittadini aglianesi.

A rinforzo dell’argomento, giunge anche la sconcertante intervista di un ex-Magistrato amministrativo il dottor Alessio Liberati, spudoratamente espulso da un concorso e dunque, anche lui, soggetto a ripetute vessazioni, ingiustizie e lunghi e costosi ricorsi amministrativi.

Come diceva Andreotti: “A pensar male si sbaglia…” e, purtroppo, il lungo strascico giudiziario Nesti-Goduto, finito anche in una sentenza di ottemperanza emessa dal Tar della Toscana e regolarmente disattesa dai legalisti del Comune, la dice più lunga che mai.

Oggi il presidente del Consiglio di Stato è il dott. Giorgio Giovannini, nominato da Monti prima di lasciare l’incarico di primo ministro.

Attendiamo dunque, di assaggiare il nuovo vertice di un Consiglio (quello di Stato) che non ha fatto certo bene – come asserisce il proverbio – neppure al brodo.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “AGLIANA: IL CASO NESTI-GODUTO IN “SALSA DIETROLOGA”

Lascia un commento