agliana. IL PD SFANCULA LE VERITÀ DI “LINEA LIBERA” AL SEGGIO

Se le querele sono medaglie per i giornalisti cosa dire del solenne “vaffanculo” davanti al seggio nel sacro momento del voto? L'invito è venuto dalla ex president(a) della commissione ambiente Lucia Salaris: intollerante alla stampa libera...?
Lucia Salaris: una Remigia alle assenze ligia?

AGLIANA. La Presidente mi ha chiesto il documento e, al pronunciamento del nome, ho incrociato il volto dei presenti al seggio tra i quali c’era, come scrutatore del Pd, Lucia Salaris, che ho salutato (memore delle sue storiche disavventure politiche) ricordando che è stata la mia president(a) – in termini giornalistici – preferita.

Quanti ricordi di scoop, quante ore passate a riportare le sue esclusive commissioni ambientali, condotte all’insegna dell’opacità e della prevaricazione dei consiglieri di opposizione in perfetto stile soviet.
Lei non l’ha presa bene e ha risposto di botto con un modo di dire diretto e ben pronunciabile perché sdoganato da Beppe Grillo nel 2007 e che ha suscitato grande stupore in tutti i presenti del seggio elettorale: “Mavvaffanculo!”.
Se le querele – per noi cronisti – sono delle medaglie da appuntare al petto, cosa dire del solenne “vaffanculo” preso al seggio nel sacro momento del voto, da cotanto esponente della cordata ciampolin-magnanensiana, ovvero del Pd di Vannuccini?
Anche lei, con Eleanna Ciampolini, è una profetessa dell’accoglienza dei migranti

La Presidente di seggio, stupefatta, ha chiesto a entrambi di smetterla e infatti ho risposto all’ingiuria con un sorriso di malcelata soddisfazione.

Cos’altro dovevo fare? Un giornalista (che, in quel momento è elettore) quando viene apostrofato con un “vaffanculo” pieno, sonoro e diretto da un rappresentante di seggio del Pd, o chiede di scrivere l’episodio pronunciato sul verbale di seggio o, altrimenti, se ne compiace e lo tratta orgogliosamente come un episodio di cronaca. Detto fatto.

La Salaris proponeva di votare per l’ammissione delle domande di Ciottoli, scudando Franceschi del Cis

Non potevamo che scegliere questa seconda ipotesi e acquisirla come una ulteriore dimostrazione che il Pd è davvero alla frutta, con l’affanno esi sente di fronte a una voragine nella quale è prossimo a cadere: Vannuccini è un candidato debole e l’antologia delle malefatte di lui e degli altri assessori codardi è affiorata in modo decisivo a pronosticare la molto probabile débâcle, ipotecata dalla scissione del Mangoni e sancita dalle polemiche feisbucchiane della Eleanna Ciampolini, che pare aver dimenticato di essere stata assessore all’ambiente per 15 anni con formula di raddoppio dell’inceneritore.

Una manovra maldestra, nel pessimo tentativo di incolpare Mangoni, assessore all’ambiente per 2 anni e mezzo, dopo aver tolto le deleghe all’imposto (dal Magnanensi) Rino [nau]Fragai.

Al Magnanensi, hanno intitolato anche un libro

Il Magnanensi – quale membro del direttivo demokrats aglianese – ha imposto il diktat che non dovrà mai essere data risposta alle denunce e pubblicazioni di notizie di malagestio, sperpero e illegittimità che hanno segnato il governatorato di Cesnokgrad: nessuno ha mai risposto, alle nostre richieste di chiarimento, con qualche smentita o rettifica, sintomo di incapacità di replica incontrovertibile: parlano le carte.

È lo stile non-comunicativo del Pd che sa bene che ogni parola data a chiarimento su un illecito è una ammissione, seppur parziale, che poi si traduce in una confessione di responsabilità e conferma delle malegestioni.
Vannuccini, il “ragazzotto” di Magnanensi e Fragai

Ma non è finita qui: all’uscita dal seggio, un’altra medaglia è giunta da un preminente membro della giunta macedonia di Mangoni, al quale non potevamo non chiedere qualche “impressione” sul clima elettorale in corso (gli exit poll, ad Agliana, si fanno con la comunicazione non verbale).

Questo/a esponente della giunta, ritrovando la resipiscenza dell’amministratore di popolo (e quindi più ecumenico, che vedeva il cittadino, ma non il giornalista) ci ha precisato che era soddisfatto e che “…avevamo davvero ragione noi di Linea Libera”, alludendo alla serie di articoli dedicati all’informazione sulle stupefacenti vicende dei Comuni di Agliana e Montale, baricentro territoriale politico dell’intera area metropolitana, fortilizio del Pd più rosso, dopo Lamporecchio e Larciano.

Insomma, sembra che il Vannuccini potrebbe addirittura essere escluso dal ballottaggio e, in questo caso, dovrà ringraziare la più cieca e ottusa politica di arroganza, prevaricazione e protezionismo dei poteri forti e delle lobbies del cemento, richiamate dal Sindaco della dignità Giacomo Mangoni.
Chi altri?
Alessandro Romiti
PS –  Che finezza, Signora Salaris!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “agliana. IL PD SFANCULA LE VERITÀ DI “LINEA LIBERA” AL SEGGIO

Comments are closed.