agliana & protezione civile. QUALCHE DOMANDA AL COMUNE

Assemblee di illustrazione del nuovo piano di Emergenza “COC”
Assemblee pubbliche per illustrare il Coc

AGLIANA. L’amministrazione comunale ha promosso e concluso una serie di incontri, volti alla presentazione delle procedure del Coc (Centro operativo comunale) che trova impulso in una armonizzazione generale con le strutture di Protezione Civile del paese per il soccorso alla popolazione.

Agliana dispone di una apprezzata associazione privata di volontari della “Protezione Civile” che con passione e spirito di abnegazione dedicano il loro tempo al servizio della comunità.

L’assessore Italo Fontana e la dottoressa Ornella Pellegrineschi hanno tratteggiato il “sistema” che dovrà integrarsi con la suddetta cellula operativa di volontari, e nutrirsi di ulteriori risorse di volontari, destinati a comporre una rete territoriale di referenti, pronti alla copertura del servizio in caso di emergenze che nella piana pistoiese sono tipicamente riconducibili ai fenomeni alluvionali per le piogge intense.

Dal pubblico sono state formulate alcune domande che hanno evidenziato le carenze di attrezzature e risorse umane che sono state enfaticamente richiamate dall’amministrazione nella pubblica assemblea.

Le domande proposte hanno avuto delle risposte ben poco convincenti e, dunque, siamo a proporre un aggiornamento per l’integrazione sul tema:

  • Il “generatore elettrico” tanto citato dall’assessore è forse lo stesso che venne donato dal Comune all’associazione di Protezione Civile?
  • Dove sono disponibili le attrezzature che il Comune vanta d’avere? Si possono vedere? Quelle della Protezione Civile sono visibili essendo in un parcheggio all’aperto che chiunque potrà esaminare.
  • L’amministrazione è a conoscenza di come la locale sezione di Protezione Civile abbia acquistato i propri mezzi?
  • Qual è, se esiste, la convezione tra l’amministrazione e la Protezione Civile? In cosa consiste specificatamente? È consultabile da qualche parte?
  • I “referenti di zona”, che saranno designati per la gestione dei “centri di raccolta”, avranno una formazione specialistica che sarà fatta in continuo? E chi la assicurerà?

Confidiamo che l’amministrazione provveda a dare risposta alle domande per la più completa soddisfazione dei cittadini amministrati e ci impegnamo sin d’ora a pubblicarle.

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento