AIAS-APR-MAIC, IL MUTISMO DEL POTERE CHE HA L’ARIA DI ESSERE COLPA

Maurizio Giorgi, capogruppo del M5S del Comune di Pistoia
Maurizio Giorgi, capogruppo del M5S del Comune di Pistoia

PISTOIA. Fino ad ora abbiamo evitato di commentare la vicenda Aias/Apr/Maic per rispetto verso il lavoro dell’Aias nazionale e delle famiglie dei disabili che sono seguiti dalla struttura pistoiese, ma in vista dell’incontro regionale di oggi 6 giugno ci sentiamo in diritto/dovere di dire la nostra su questa faccenda che via via assume sempre di più contorni grotteschi.

Apr, “difetto di legittimazione”, non è da ora che se ne parla, non è da ora che la politica locale e regionale tace come se Pistoia facesse repubblica a sé su una situazione che riguarda il sostegno alla salute dei nostri concittadini.

Il dott. Bianchini in svariate occasioni ha sempre denunciato pubblicamente, con documentazione attestante, l’irregolarità dell’Apr scrivendolo sul proprio blog/testata Quarratanews, oggi Linee Future. Nessuno si è mosso.

L’Apr ha ricevuto 13 milioni di euro ma li ha ricevuti nonostante i pareri legali contrari, nonostante tutto.

Le domande si formano spontanee, una tra queste è quella di come abbia l’Apr avuto accesso ai fondi quando il parere giuridico ne negava i requisiti per ottenerli. Non si danno milioni di soldi pubblici a chicchessia, in special modo se manca la trasparenza.

L’Apr ha avuto in questi anni l’agio offerto dal silenzio della politica che doveva controllare ma che non lo ha fatto: anzi, ne ha elogiato le iniziative presenziando agli incontri pubblici.

Si dice che una bugia ripetuta mille volte diventa verità, questa storia potrebbe essere un esempio calzante.

Non si parla solo di 13 milioni ma anche di altri fondi che la Asl3 di Pistoia ha destinato per le iniziative estive in Versilia dell’Apr, si parla di 150.000 euro, pur essendo a conoscenza dell’ordinanza della terza sezione del Tribunale di Roma che ne chiarisce gli aspetti giuridici di irregolarità delle operazioni compiute e ancora in essere nella costituzione dell’associazione.

Resta da chiarire a questo punto la posizione dei vari interessati: Scarafuggi, Cravedi, Abati parte Asl, Berti, Bellandi, Bertinelli, Rossi e Marroni per l’amministrazione pubblica locale e regionale. Oggi si incontreranno in Regione.

Ripetiamo la prima domanda e ne aggiungiamo altre:

  • Chi ha avallato i 13 milioni?
  • Chi ha avallato i fondi in transito tra Asl3 e Apr per le iniziative estive?
  • Perché la politica che dovrebbe garantire l’interesse pubblico non si è mai espressa sul caso procrastinando una situazione di illegittimità?

Tutto quindi da verificare con la Corte dei Conti ma tanto basta a noi del M5S per prendere una netta posizione di distacco da quella politica e da quel modus operandi di italiana fantasia che ha segnato il percorso di questa vicenda a dir poco fumosa.

Come M5S auspichiamo che sia fatta luce quanto prima su tutto l’iter e che chi ha eventuali responsabilità se le prenda a livello morale, materiale e legale nei confronti dei cittadini tutti.

[*] – Portavoce M5S

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “AIAS-APR-MAIC, IL MUTISMO DEL POTERE CHE HA L’ARIA DI ESSERE COLPA

  1. Gentile cons. Giorgi, le sono davvero grata. Per la prima volta una forza politica, il M5S, ha preso una posizione a sostegno di una battaglia di civiltà e legalità. I politicanti spesso si sciacquano la bocca con la parola legalità, ma la clamorosa vicenda in questione dimostra proprio che fino adesso sono stati e sono tutti uguali, anzi, alcuni anche peggio. andate avanti, spronate giunta e sindaco e forse qualcuno vi seguirà: rappresentate l’unica possibilità di cambiamento e di reale rinnovamento per questa assonnata periferia dell’impero

Lascia un commento