ALBY: «MIA REPLICA A DON CARMIGNANI CHE MI RISPONDE SU ‘REPORTPISTOIA’»

Don Alessandro Carmignani [da La Voce di Pistoia]
Don Alessandro Carmignani [da La Voce di Pistoia]
PISTOIA. «Quello della Diocesi è un silenzio assordante – ha detto oggi don Carmignani – sarebbe stato bello ricevere una telefonata, anche un rimprovero, ma niente. Anche qualche esponente politico ha preso posizione, non citandomi, facendo intendere che a Pistoia ci sono personaggi ecclesiastici che vogliono mettersi in mostra con personalismi: prima di sparare nel mucchio, dicendo che i preti pistoiesi sono poco formati, dovrebbe conoscerci e poi rilevare se i politici cattolici sono coerenti col loro mandato».

Mi sembra corretto replicare poiché nel pezzettino sopra citato si fa chiaro riferimento all’articolo da me scritto su Linee Future il primo settembre (vedi). Don Carmignani, che saluto affettuosamente, di fatto mi accusa di aver preso posizione…

Questo mi dispiace perché mi pareva di avere detto altro e di più. Infatti esternavo la mia seria preoccupazione per i toni polemici nella nostra diocesi a fronte di una scarsa preparazione nelle omelie da me reputate a volte purtroppo distanti dal Concilio Vaticano II. Esprimevo ed esprimo una seria preoccupazione per la qualità dei preti nella nostra diocesi.

Criticità che mi pare palese anche nella gestione di questa polemica nata per il Centro Giovani, polemica che mostra sempre di più (ahinoi!) una brutta e seria spaccatura tra i preti della Diocesi.

Infatti come credente e laico appartenente alla Diocesi Pistoiese (non come politico) ribadisco la mia seria preoccupazione per la Chiesa pistoiese. Non posso non pensare al parallelismo tra i preti e gli Apostoli, penso alla prima forte discussione tra Paolo e i suoi Pietro, Luca, Giacomo a Gerusalemme, una discussione aspra, dura mai fuori dalla Chiesa di allora. Lo stesso Francesco poi Santo, mai polemizzò, ma realizzò con le sue forze il suo progetto, quella chiesa sbagliava! Mai Francesco tirò contro ma fu il suo esempio che portò la Chiesa a lui, non solo, ne divenne lui colonna importante. Certo lo so! Si parla di Santi…. Caro Don Carmignani credi fortemente nel tuo progetto? La Chiesa di Pistoia non ti nega di farlo, semplicemente non ti vuole finanziare. Questo non ti va bene perché lo ritieni sbagliato.

Massimo Alby
Massimo Alby

Se ritieni che questo sia la tua missione, fai come Francesco; senza acredine dai vita al tuo progetto (senza dubbio sai quanti esempi recenti in questo modo). Mi pare che sia nel bene che nel male alla fine purtroppo il denaro sia punto centrale della missione e questo ha poco a che fare con la missione stessa.

La missione deve essere al di là del denaro, tu secondo me caschi in questo errore, parti dal denaro dimenticando Provvidenza e vera missione. Questo traspare! E alla fine emerge che i preti a Pistoia (senza il loro principale, il Vescovo), litigano “per i ninneri”… Fa bene questo alla Chiesa pistoiese? Ai posteri l’ardua sentenza…

Questo è quello che penso, ti abbraccio invitandoti a credere fortemente nel tuo progetto e ad avere fede nella Provvidenza, ricordando anche però che gli schiamazzi portano luci della ribalta ma spesso poche soluzioni.

La Chiesa pistoiese oggi mi pare abbia bisogno più delle seconde che dei primi. Forse personalizzare un po’ meno e trovare più strumenti per migliorare il confronto interno alla nostra diocesi magari con l’aiutino anche dei laici credenti non farebbe male.

Ma qui secondo me si apre la vera questione certamente non con le modalità viste in codesta polemica.

Un caro saluto

Massimo Alby

[*] – Credente della Chiesa pistoiese, ospite

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento