allarmismi. CHI HA PAURA DEL LUPO?

PISTOIA. [a.b.] La dottoressa Jessica Cuschiè (zootecnica laureata in scienze della produzione animale – gestione degli animali negli spazi rurali e naturali), istruttore presso Circolo Ippico il Ghiro con la revisione della dottoressa Francesca Ciuti, ricercatrice e responsabile del monitoraggio del lupo nel territorio di Pistoia intervengono a proposito delle dichiarazioni allarmistiche rilasciate da Sandro Orlandini, presidente della Cia — Agricoltori Italiani Toscana Centro Fi/Pt/Po.

Il centro ippico Il Ghiro dove lavora la Cuschiè si trova proprio nella zona indicata dalla Cia, ovvero in via San Giorgio.

L’intervento vuole fare chiarezza “di fronte a queste fandonie insensate e infondate” visto anche il fatto che i video sarebbero stati girati proprio intorno al maneggio del centro ippico.

Ecco cosa scrivono in un post pubblicato sulla pagina facebook del circolo ippico Il Ghiro:

Primo punto: i lupi in città. Ma dove siamo realmente?

Il nostro centro sorge a ridosso dell’Appennino Pistoiese e a pochi chilometri dalla città, in una di quelle zone che rispecchiano perfettamente la definizione di “Rurale”.

Molti sono gli animali a farci visita: il capriolo e il cinghiale che a volte vengono a mangiare il nostro fieno, tasso e volpe, cani e gatti, poiane e aironi, e, di recente, ha fatto qualche timida comparsa, il lupo.

Ci sono stati un paio di avvistamenti sporadici di uno o due esemplari di cui non ci saremmo mai accorti non ci fossero state le telecamere di videosorveglianza o un avvistamento fortuito.

Questo lupo lo dobbiamo temere? Se si quanto?

L’ingresso al circolo ippico Il Ghiro (dalla pagina facebook)

Ci sono centinaia di fonti molto autorevoli che studiano con meticolosa precisione gli spostamenti dei lupi e le loro abitudini e che vi invito a consultare.

Facciamo solo un piccolo appunto sugli animali presenti nel nostro centro ippico:

I CAVALLI: è rarissimo che i lupi attacchino i cavalli che sono dotati di 5 armi micidiali: 4 potenti zoccoli e 1 morso estremamente pericoloso e doloroso. Nessun lupo rischierebbe tanto.

I GATTI: è quasi impossibile che un lupo riesca a prendere un gatto, così veloce e agile, troppo dispendio di energia per un pasto tutto sommato misero. Differente è se il gatto è già morto, malato o ferito (magari investito da una macchina o picchiato e poi abbandonato da qualcuno).

I CANI: con i cani il discorso è un pò diverso. È possibile che i lupi attacchino i cani, e li uccidano, e li mangino a quel punto. Ma non vanno a caccia di cani, più che altro capita di trovarseli li e un cane domestico di fronte a un lupo è sostanzialmente indifeso, paradossalmente più di gatti e cavalli.

È nostro preciso dovere proteggere i nostri animali domestici, per cui semplici accorgimenti come tenere i nostri amati cani e gatti in un luogo protetto durante la notte eviterà spiacevoli incidenti.

Secondo punto: la fantomatica strage di cani e gatti

Ovvero 1 (uno) gatto trovato morto senza alcuna certezza che sia stato cacciato da un lupo o attaccato da un cane o da una volpe, oppure investito da una macchina o morto per cause naturali e poi mangiato dai tanti animali spazzini (volpi, tassi, faine, cornacchie, cinghiali…ecc…) e poi……

…..basta. Solo questo, ah, e una carcassa di capriolo questa estate.

Terzo punto: al lupo al lupo, e le persone? E i bambini nei giardini? E chi passeggia nel bosco?

Il lupo è un animale estremamente schivo, timido e timoroso dell’uomo (è stato braccato per secoli, conosce l’uomo come qualcosa da temere moltissimo). Non si avvicina se non abbastanza sicuro di non trovarci nessuno e scappa o si nasconde appena visto.

Se il comportamento è troppo confidente è probabile ci troviamo di fronte a qualche cane che, presi dalla nostra fervida immaginazione, scambiamo per lupo.

Vogliamo fare una riflessione: se il lupo caccia un animale per cibarsene, altrimenti muore di fame, è un mostro da temere.

Ma se noi uccidiamo lo stesso animale per metterlo sul banco del supermercato, allora va bene?

La convivenza con gli animali selvatici è possibile se iniziamo a pensare in modo meno egoistico e più ampio, bastano alcuni accorgimenti, conoscenza e un pò di attenzione.

Fino a prova contraria nessun lupo ha mai tentato di scassinare la porta di casa con noi dentro per rubare due spiccioli, nessun lupo ci ha mai bucato le gomme della macchina o ci costringe a tenere la borsa stretta mentre camminiamo in città o ancora nessun lupo ci mette paura quando dobbiamo andare nel parcheggio a prendere la macchina da sole la notte.

Nessun lupo fa più paura dell’uomo.

Allora chi ha paura del lupo?

Per fare chiarezza sulla problematica prossimamente il circolo ippico ospiterà uno degli incontri informativi sul lupo in programma sul territorio alla presenza degli esperti del settori.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email