ALLUVIONI, GRAVI RESPONSABILITÀ DELLA POLITICA? NON SECONDO LA MOZIONE CHE HA FATTO MOLTO DISCUTERE

Il ponte della Ferruccia
Il ponte della Ferruccia

QUARRATA. Su “Argini a rischio e regimazione dei corsi d’acqua a monte del territorio di Quarrata” , la mozione presentata da Forza Italia e discussa come ultimo punto all’ordine del giorno della seduta consiliare di lunedì, alla fine i due proponenti, Ennio Canigiani e Flavio Berini, hanno votato contro. È stato approvato infatti un testo emendato dai gruppi di maggioranza dove si sollecita il sindaco e la giunta a “continuare il lavoro politico finora svolto dall’amministrazione comunale”. Per la serie: così è se vi pare. Canigiani dopo la chiusura dei lavori ci ha confidato che “così come emendata la loro mozione aveva perso significato” e non aveva più senso perché troppo spostata sul ruolo dell’assessore di riferimento (il vicesindaco Gabriele Romiti) che è vero “si è dato da fare per cambiare la situazione sul rischio idrogeologico” ma così come appare dal testo sembra –insieme all’amministrazione quarratina – l’unico artefice di risultati che il territorio e la cittadinanza attendevano da anni. Se da una parte Flavio Berini nel suo intervento oltre ad un excursus storico particolareggiato sul motivo per cui a Quarrata si ripetono da secoli inondazioni e alluvioni ha rimarcato le gravi responsabilità della politica “da almeno una quarantina di anni a questa parte” nel non avere risolto i problemi legati alle acque basse e di avere sempre trovato degli alibi di fronte al cattivo uso del suolo (con le conseguenti chiusure di fossi un tempo strategici per mantenere l’equilibrio idraulico, i rialzamenti dei terreni …) dall’altro da tutti gli esponenti della maggioranza (Anna Ciervo del Gruppo Misto, Gori Fiorello della Lista per Quarrata e Gabriele Giacomelli, capogruppo dei Democratici ) si è levata una difesa “nei confronti del lavoro politico finora svolto dagli amministratori locali.

“A distanza di alcuni mesi – ha dichiarato Giacomelli (Pd) – siamo a registrare la seconda alluvione. Già nel settembre scorso si discusse in consiglio comunale una mozione che poi decidemmo tutti insieme di rinviare. Non è vero che abbiamo avuto scrosciate d’acqua, abbiamo avuto tantissima acqua che si è poi presentata in maniera molto pericolosa col problema delle acque basse. Abbiamo proposto insieme ai colleghi di maggioranza un emendamento che ci sembra opportuno nel quale si dice di continuare il lavoro svolto dall’attuale giunta e riteniamo che ci sia stato sia nell’emergenza sia nell’attività svolta quelle cose che serviranno per la messa in sicurezza. Questa giunta ha voluto indirizzare nel giusto verso le questioni della Querciola. Senza andare sul giornale si sono fatte le cose, si sono incontrati i cittadini e si sono risolte alcune questioni come quelle a Barba. Siamo infatti chiamati a risolvere i problemi, siamo chiamati a governare, ad andare nei luoghi deputati a risolvere le questioni” “ .

Nel corso del dibattito ha preso la parola anche l’assessore al rischio idrogeologico Gabriele Romiti che nel suo intervento ha elencato gli interventi svolti: “Entro fine 2014 avremo pronta la cassa di espansione della Querciola i cui lavori sono iniziati da poco e che servirà a regimentare 550 mila metri quadri di acqua. Partiranno poi anche i lavori alla cassa di espansione dei Laghi di Primavera a Pistoia. È stato previsto poi il finanziamento di un milione 240 mila euro per intervenire sugli argini dell’Ombrone per 600-700 metri da Bocca di Calice verso monte. Per quanto riguarda lo Stella non ci sono interventi specifici ma il presidente Rossi ci ha confermato che il ribasso di 720 mila euro circa dalla gara per la cassa di espansione della Querciola potrà essere utilizzato per il territorio quarratino. Ho avuto garanzie dal Consorzio Ombrone che i teli sullo Stella a Catena saranno sistemati. Ho sempre avuto un confronto con i cittadini. Si sta anche valutando l’idea di fare un lavoro insieme alle associazioni del territorio, alle associazioni ambientalistiche, ai consiglieri comunali al fine di individuare i modi per combattere nelle sedi opportune e far fare le opere. Non abbiamo intenzione di fare le cose da soli”.

Idrovora della Cri in azione
Idrovora della Cri in azione

Subito dopo il consigliere di Insieme per Quarrata Alessandro Cialdi – sentito l’intervento di Romiti – per stemperare i confini tra maggioranza e opposizione ha accolto l’invito del presidente del consiglio comunale Giovanni Dalì a votare la mozione anche con il testo emendato come “atto di fede”, a dimostrazione della consapevolezza dei disagi presenti sul territorio e del lavoro compiuto comunque dall’assessore Romiti che, da parte sua, ha ritenuto l’emendamento un “piccolo riconoscimento per chi (come lui) si adopera tutti i giorni per risolvere i problemi”.

Quando tutto sembrava finito il sindaco Marco Mazzanti è intervenuto in modo risoluto e fermo per respingere con sdegno l’affermazione di Cialdi. Cosa che ha contribuito ad un voto finale che non è stato unanime. Il gruppo “Insieme per Quarrata” ha però votato a favore sia dell’emendamento che della mozione.

Pompe sul Quadrelli
Pompe sul Quadrelli

“ È impressionante apprendere dalla viva voce dell’assessore Gabriele Romiti, durante il Consiglio Comunale del 17 Febbraio 2014, l’elenco di tutti i lavori eseguiti durante il suo attuale mandato contro il rischio idrogeologico nel nostro Comune e anche , addirittura, nel Comune di Pistoia!!!! I comitati e Legambiente , con prove e documenti alla mano – ha dichiarato oggi Daniele Manetti (presente ieri sera in consiglio comunale) – hanno smentito varie volte l’assessore durante conferenze stampa , nelle assemblee e nelle riunioni , che le cose non stanno come le racconta lui e che è solo grazie alla caparbietà e alla competenza dei comitati e di Legambiente ( Parte tecnica) che siamo riusciti ad ottenere dalla Regione Toscana dei risultati e dei finanziamenti. Quanti viaggi ,a spese nostre, in Regione Toscana, in Provincia, presso il Genio Civile, al Consorzio, ecc… In Consiglio Comunale è facile , nessuno di noi può controbatterlo e può dire quello che gli pare, al nostro Assessore gli piace vincere facile!!!! Ma quello che è più impressionante , ancora una volta, è la scarsa considerazione per i cittadini e la mancanza di partecipazione e di collaborazione , continuamente richiesta dai comitati e Legambiente e mai presa in considerazione dalla nostra Amministrazione quarratina (vedi creazione di un osservatorio Tecnico, di una commissione Tecnica, di una consulta, ecc…per le problematiche ambientali e sociali)”.

“ Noi continueremo – ha aggiunto – a combattere , con gli strumenti che la Democrazia ci mette a disposizione, per ottenere un po’ di sicurezza per il nostro territorio dalle alluvioni e dal rischio idrogeologico e speriamo che il buon senso prevalga e che , come abbiamo fatto con la Regione Toscana, si instauri un dialogo ufficiale e una vera collaborazione anche con l’Amministrazione del Comune di Quarrata su tutte le problematiche ambientali”.

 

SU FACEBOOK:

 https://www.facebook.com/lineefuture

SU TWITTER:

 https://twitter.com/LineeFuture

PER COMMENTARE:

 http://linealibera.info/come-registrarsi-su-linee-future/

OPPURE SCARICA:

 Registrarsi su «Linee Future»

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento