alterpiana in evoluzione. SI CERCA L’AVVIO DI UN PROCESSO COMUNE DI INIZIATIVE E SPERIMENTAZIONI

Sabato 15 giugno a Campi Bisenzio si terrà la Conferenza del territorio della piana Firenze Prato Pistoia

 

Alter piana

CAMPI BISENZIO. Sabato 15 giugno dalle 9 alle 17 la sala Limonaia di Villa Montalvo a Campi Bisenzio ospita la “Conferenza del territorio della Piana Firenze, Prato , Pistoia”.

L’incontro, organizzato dalla Assemblea per la Piana contro le nocività, Un’Altra Sesto è possible, Alterpiana – presidio no Inceneritori No Aeroporto si pone l’obiettivo di rafforzare le esperienze di resistenze, di conoscenza e di azione, anche attraverso la scrittura collettiva di una Carta di Alterpiana in comune che fissi orientativamente alcuni punti irrinunciabili..

La conferenza in particolare cercherà di avviare un processo di rafforzamento reciproco dei comitati, delle associazioni ambientaliste e naturaliste, delle persone attive nei vari presidi di cura e di manutenzione diffusi nella piana con forme di manutenzione concreta, di rinnovato uso civico del territorio.

“Possiamo provare insieme a costruire in via positiva nella piana Firenze Prato Pistoia – si legge in un comunicato — elementi e grumi di un progetto di autonomia dei soggetti che abitano il territorio, che vi lavorano, che vi costruiscono rapporti e relazioni sociali, per un nuovo ambiente di vita in comune.

Vogliamo introdurre una proposta attiva diversa dalle solite prassi, fare un salto anche teorico nelle impostazioni per la ricerca di un’alternativa ecologica ed economica.

Una manifestazione

Così, dopo una rapida descrizione del nuovo quadro ecologico basato sul recupero e sul rilancio dell’Ecosistema in tutta la sua complessità, daremo il via criticamente e politicamente, da un lato alla messa in discussione del sistema produttivo vigente e imperante, e dall’altro, da subito, anche in questa occasione, cominceremo a sperimentare gruppi, comitati, realtà attive, militanti e con tutta la popolazione disponibile, la ricostruzione diretta e i progetti di più lungo periodo per il nuovo Ambiente di Vita, attivando evolutivamente l’Ecosistema”.

“Proponiamo – continua — che con il 15 giugno parta un percorso comune e collettivo di confronti, sperimentazioni, proposte, con ricerca degli abitanti e delle conoscenze esperte, in modo da rispondere alle nuove aggressioni alla piana e alle città, al territorio rurale e ai borghi.

Aspetti di fondo, ai quali aggiungerne altri provenienti dalle esperienze di ogni realtà:

* Territorio energivoro, picco dell’uso di energia e materia, esaurimento risorse non rinnovabili e uso scriteriato di quelle rinnovabili: acqua dolce, boschi e biomasse vegetali, fertilità dei suoli…

* Riscaldamento globale e locale e cambiamenti climatici;

* Colata lavica delle espansioni urbane, edilizie, infrastrutturali;

Patrizia Gentilini

* Coltivare biodiversità e boschi vs la distruzione della biodiversità;

* Riduzione della produzione di residui di produzione e consumo non riassorbibili nei cicli biologici;

* Logica ecosistemica e relazionale;

* Agricoltura biodinamica non energivora; mondo contadino antico e attuale.

Ecco una scaletta della giornata:

  • Mattina 09.30 / 12.30

– Oltre il collasso attuale. Oltre ogni nocività – Coordina Ilaria Goretti (Un’Altra Sesto è possibile)

– Patrizia Gentilini (Isde Italia, Medici per l’Ambiente; e G.U.F.I., Gruppo Unitario per le Foreste Italiane) “Nocività e danni dei pesticidi nella piana. Coltivare biodiversità, piantare alberi”

– Riccardo Benedetti (Rsu L.A.M.M.A) “Master Plan nuovo aeroporto, prescrizioni e Osservatorio Ambientale nella Sentenza del Tar”

– Antonio Fiorentino (AlterPiana) “Lo stato urbanistico della piana e le tendenze speculative e distruttive in atto “

A seguire e nel pomeriggio 14/17 Verso un nuovo ambiente di vita per l’avvio di un processo collettivo di riappropriazione del luogo comune piana

Giorgio Pizziolo (AltrerPiana) ” Il salto ecosistemico e relazionale, per il nuovo Ambiente di Vita “

Tiziano Cardosi ( NO TUNNEL TAV, Firenze) ‘ Il nostro aeroporto si chiama treno’

Rita Micarelli e Fabrizio Bertini (Alterpiana) : Breve introduzione per l’avvio del lavoro comune e delle sperimentazioni: confronti e contributi delle varie realtà.

Alla conferenza del territorio sono invitati a elaborare insieme e a partecipare al percorso le associazioni ambientaliste, i comitati e tutte le realtà che operano nella piana, amministratori pubblici di buona volontà, portando idee e contributi in relazione a quanto stanno facendo e per dar vita a nuove fertili connessioni comuni. (a titolo di esempio: Abc Pistoia, Orto Collettivo di Travalle, Biodistretto del Montalbano, VAS Prato, Mondeggi, Fattoria senza padroni; Comitato no aereo Campi e Sesto, Medicina democratica, Firenze; Mamme no Inceneritori, Presidio Gàvine, AssoValdisieve; Valdisieve in transizione; Legambiente Sesto F.no Parco della Piana Podere la Querciola; G.A.R.C Gruppo Aeromodellisti Radio Comando Firenze).

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email