ambiente. MONTEMURLO DIMENTICATA

 

Il tavolo di Presidenza

MONTEMURLO. Abbiamo ricevuto la telefonata di un paio di cittadini di Montemurlo che ci chiedono se è vero che la “Commissione ambiente congiunta” ( da oggi rinominata “disgiunta”) sul blocco impianto dell’inceneritore è stata tenuta la sera del 27 scorso ma solo dalle Amministrazioni di Montale e Agliana, escludendo Montemurlo.

I cittadini si chiedono come mai nessuno sarebbe stato invitato in rappresentanza della Amministrazione guidata dal Lorenzini? Eppure la commissione in questione era eminentemente dedicata alle “ricadute” ambientali dovute alla malagestione dell’inceneritore ed era “congiunta” a Montale ed Agliana?

Solo ieri il direttore di Arpat Andrea Poggi ha infatti confermato che le numerose “criticità gestionali” che incidevano sui ripetuti “blocchi impianto” registrati sull’inceneritore, sarebbero stati risolti solo dopo la contestazione alla Ladurner dedotte nella relazione fatta dal “gruppo di lavoro” (ultraspecialistico) di cui alla Ddg 77 del 6/5/2016.

Il Direttore dell’Arpat, Claudio Coppi, indicava nel 2010, il territorio di Montemurlo quale area di maggiore ricaduta dei microinquinanti dell’inceneritore

Nulla è stato più espresso dalla Agenzia Regionale che assicura il misfatto: solo nella recente primavera del 2017 i difetti sono stati risolti e dunque – per sillogismo – sono stati da sempre presenti nell’impianto con buona pace degli organi di controllo e degli amministratori ignari (o ignavi?) prima di tale data. Ma chi controllava la gestione, non se ne era accorto?

Insomma, cosa succede a Montemurlo? Sono forse cambiati i venti dominanti che, come disse l’allora direttore Claudio Coppi, vedeva il vicino Comune esposto alle massime ricadute dell’inceneritore?

Lorenzini si è dimenticato di aver partecipato ai “Tavoli Istituzionali” dell’indagine epidemiologica, dimostrando così un chiaro interesse alla tutela dell’ambiente del suo territorio?

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento