AMBIENTE, TERMINE SPARITO DAL DIZIONARIO DELLA GIUNTA BETTI?

Secondo l’ex assessore Dino Polvani non si tratta di una svista ma sarebbe il risultato di un altro ragionamento sulla politica a Montale e su chi deciderà il futuro dell’inceneritore
Dino Polvani
Dino Polvani

MONTALE. Ecco cosa scrive Dino Polvani, ex assessore della giunta Scatragli di Montale a nome del Gruppo Centrodestra unito per Montale a proposito della mancata assegnazione della delega dell’ambiente da parte del sindaco Ferdinando Betti:

Ambiente: termine sparito dal vocabolario della giunta Betti. Se questo è l’inizio, certo che ne vedremo delle belle. A nessun assessore è stata data la delega all’ambiente. Tra le deleghe che il Sindaco Betti si è tenuto per sé, c’è di tutto: dalla caccia alla pesca, ma non c’è l’ambiente Il termine è addirittura sparito dal vocabolario di questa Giunta. L’elemento fondante, l’aspettativa di tutti i montalesi, anche di quelli che hanno creduto in Betti e nelle sue promesse sull’inceneritore (per la verità molto sussurrate) viene immediatamente disattesa.

L’abbiamo detto, ripetuto ed urlato in campagna elettorale che solo noi abbiamo avuto ed avremmo avuto il coraggio di opporsi alla politica di ampliamento dell’inceneritore, e probabilmente anche del futuro raddoppio dell’impianto. Questa giunta non solo mai avrà la forza ed il coraggio di opporsi alla politica inceniritorista del suo partito e del suo premier ma addirittura elimina anche la delega politica all’ambiente.

C’è da chiedersi: è una svista?

È possibile che il “Sindaco dal volto umano Betti”, come lui si è sempre definito, si sia dimenticato di specificare che quella all’ambiente era delegata avocata a sé perché ritenuta così importante da non delegarla ad altri assessori? Se così fosse andata e cioè fosse stata una “svista” credo che sia sintomatico dell’incapacità di questa Giunta che “dimentica” di dare la necessaria paternità alla delega più importante del nostro Comune. Immaginiamoci se la stessa svista ci fosse stata per la delega al bilancio e finanze? Il rischio sarebbe stato il Commissariamento per incapacità del Sindaco: vista la stessa importanza o, meglio, la massima importanza dell’ambiente, perché riguarda la salute di tutti ed il futuro dei nostri figli, e la sua assoluta assenza in questa Giunta forse è il caso di chiedersi se è in grado di governarci.

Ipotizzo però che non sia una svista ma che sia il risultato di un altro ragionamento:

  • 1) A nessun assessore viene data la delega all’ambiente
  • 2) Neppure il Sindaco espressamente la mantiene per sé
  • 3) Il termine non esiste nel decreto di nomina

Allora credo si abbia la conferma di quanto da noi sostenuto: che questa Giunta, come quella di Agliana, ha tenuto un posto per uno degli assessori provinciali ancora non sistemato, così da assegnare in quel momento, e solo in quel momento, la delega all’ambiente facendo ricomparire la parola scomparsa oppure la politica ambientale di Montale sarà non opera della giunta, confermando la sua incapacità in tale settore, ma del Pd pistoiese tramite magari il nominato assessore esterno Fragai ad Agliana che così detterà anche l’agenda di Montale.

Quindi, i montalesi che hanno creduto a quanto solo sussurrato dal Sindaco Betti in campagna elettorale sul futuro dell’inceneritore, sappiate che la politica ambientale a Montale la farà Fragai da Agliana ed il Pd da Pistoia o, meglio, sicuramente da Firenze e noi saremo lo zerbino dell’Ato Toscana Centro. Quindi non so se è più grave considerare la mancanza non solo della delega ma addirittura della parola ambiente dal vocabolario della giunta Betti, manifesta incapacità già dal primo atto.

Oppure pensare che sia una sottile strategia politica per cui oggi non viene assegnata a nessuno, nemmeno al Sindaco Betti, e domani verrà assegnata all’ennesimo ex assessore provinciale che il partito dirà di sistemare oppure la politica ambientale di Montale verrà decisa dall’assessore esterno di Agliana Fragai, che ha approvato, insieme alla giunta ed al consiglio provinciale pistoiese, l’ampliamento dell’impianto inserendolo nel piano interprovinciale dei rifiuti, con buona pace della “tutela della salute dei montalesi”.

Dino Polvani
Udc Montale, ex Vicesindaco

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “AMBIENTE, TERMINE SPARITO DAL DIZIONARIO DELLA GIUNTA BETTI?

Lascia un commento