AMMANCO IN COMUNITÀ MONTANA: «TERMINI RIAPERTI PER PESCIA? IMPOSSIBILE»

Il Tirreno, 12 dicembre 2014
Il Tirreno, 12 dicembre 2014

PISTOIA. Riceviamo e pubblichiamo:

Con la presente, in quanto difensore del sig. Giuliano Sichi, sono a chiderVi di rettificare l’articolo odierno apparso sul vostro quotidiano cronaca di Pistoia.

Mi preme specificare che nel processo che vede imputato esclusivamente il mio assistito con prossima udienza avanti al Tribunale di Pistoia per le date del 22 gennaio e 26 febbraio 2015, si sono regolarmente costitutisi i comuni di San Marcello P.se, Cutigliano, Sambuca P.se, Piteglio Abetone e Marliana nonché la Provincia di Pistoia e la Regione Toscana.

Non ha invece ritenuto di costutirsi parte civile il Comune di Pescia.

È ormai stata aperta la fase dibattimentale e dunque il Comune di Pescia è ormai decaduto dalla possibilità di costituirsi parte civile.

Non sono a conoscenza se il Comune di Pescia si sia o meno costituito parte civile nel processo che vede imputati vari dirigenti, direttori di banche e revisori dei conti della ex Comunità Montana, in concorso in peculato per le condotte contestate al mio assistito.

L'avvocato Pamela Bonaiuti
L’avvocato Pamela Bonaiuti

Dal Vostro articolo inoltre parrebbe emergere che il Comune di Pescia sia stato “rimesso in termini” per costituirsi parte civile anche nel processo che vede il Sichi da me assistito con prossima udienza fissata per la data del 22/01/2015 e 26/02/2015.

Questo non corrisponde a verità.

Vi invito pertanto a rettificare con articolo di pari rilevanza a quello di cui in oggetto e uscito in data odierna quanto erroneamente pubblicato.

In attesa di Vostro riscontro porgo cordiali saluti. Mi legge per conoscenza il Comune di Pescia.

Avv. Pamela Bonaiuti

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento