amministrative 2017. PIERO LUNARDI: «PICCOLE OPERE E CHIUSURA DEL CASSERO»

«Sono abituato a parlare poco, lavoro e agisco. La mia lista è fatta di gente semplice come me: basta con la destra e la sinistra, guardiamo ai cittadini e al benessere»
A sinistra Piero Lunardi

SERRAVALLE PISTOIESE. Una svolta (forse) per il Comune di Serravalle Pistoiese. Una faccia nuova, un personaggio tutt’altro che politico. Piero Lunardi si pone come alternativa al sindaco uscente Patrizio Eugenio Mungai e si candida a primo cittadino con la lista civica “Uniti per Serravalle”.

Ispettore superiore del Corpo Forestale dello Stato per 38 anni e sei mesi, con mai una tessera di partito in tasca, il sessantenne Lunardi, che vive alla Castellina di Serravalle, ha presentato oggi, 29 aprile, alla stampa e alla cittadinanza il suo programma elettorale.

Un programma incentrato sulla chiusura della discarica del Cassero, sull’aumento della sicurezza attraverso l’utilizzo della video-sorveglianza, sui controlli all’impianto Dife di Masotti e sull’incremento del turismo perché, come ha detto il candidato sindaco, “non è possibile vivere in un posto bello come il nostro e non avere turisti. Penso alle torri di Serravalle, a tutto il distretto del Montalbano. La giunta Mungai ha affidato la gestione del turismo ad una cooperativa di Genova: questo è allucinante”.

“Non amo parlare – ha esordito Lunardi – sono per i fatti concreti e per il lavoro. Credo che sia indispensabile chiudere immediatamente la discarica del Cassero, anche se porta in cassa ben 800 mila euro l’anno, soldi che recupereremo con tagli all’addetto stampa, agli assessori (10%) e al sindaco (20%). Qui non si tratta di votare a destra o a sinistra: dobbiamo essere uniti e cambiare le facce di chi governa questo territorio da più di trentanni. È l’ora di farla finita, lì dentro ci sono due milioni di rifiuti speciali”.

“Altre questioni sono la maggiore attenzione alla realizzazione della galleria di Serravalle da parte di Rfi, la destinazione e residenza turistico-alberghiera del complesso Rocchine, il superamento del degrado nella zona C/4 di Cantagrillo, quella vicino alle piscine”.

Altri punti chiave poi il potenziamento della sicurezza e l’introduzione di un nuovo requisito per l’accesso ai contributi dei canoni di locazione e all’assegnazione degli alloggi Erp, dando la precedenza a chi ha la residenza nel comune da più anni.

La lista “Uniti per Serravalle” è composta da: Elena Bardelli (consigliere uscente), Benedetta Vettori, Deborah Del Cortona, Denise Domenichelli, Flore Filoni, Ilaria Gargini, Mariangela Prato, Giulia Romani, Roberto Bardelli (consigliere uscente), Maurizio Bruschi, Francesco Bugiani, Matteo Giovannoni, Federico Gorbi (consigliere uscente), Raffaele Landi e Gennaro Vergara.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “amministrative 2017. PIERO LUNARDI: «PICCOLE OPERE E CHIUSURA DEL CASSERO»

Lascia un commento