amo pistoia. NON AMO IL DEGRADO DELLA ZONA INDUSTRIALE DELLA NOSTRA CITTÀ

Alessandro Sabella

PISTOIA. Il cuore economico della nostra città è la zona industriale di Sant’Agostino che, in questi anni, ha vissuto e sta vivendo un profondo mutamento dovuto al degrado generalizzato. Per questo “Amo Pistoia”, la Lista Civica apartitica che si presenta alle elezioni amministrative del prossimo 11 giugno, lancia le seguenti proposte.

«Poniamo molta attenzione – afferma Alessandro Sabella – al rilancio della zona industriale di Sant’Agostino ed una sua totale riqualificazione. Questo deve avvenire ridisegnando l’area ed accompagnando i cittadini in un percorso facilitato che preveda, ove necessario, la demolizione e ricostruzione dei manufatti più vecchi a fronte di progetti tecnologicamente all’avanguardia.

«Inoltre si deve prevede la riduzione degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria per quei progetti che prevedono la riqualificazione delle grandi aree industriali con diminuzione del volume esistente e la possibilità di usufruire di agevolazioni sul cambio di destinazione d’uso. E’ fondamentale, inoltre, debellare il fenomeno della prostituzione che oramai caratterizza la zona sia di giorno che di notte, incrementando i controlli».

Ma la zona industriale di Pistoia è anche viabilità, traffico e parcheggi.

«Dobbiamo muoverci su tre strade distinte – prosegue Alessandro Sabella – La prima è quella della cartellonistica stradale, con l’aiuto delle associazioni di categoria, per una migliore reperibilità delle aziende. Associazioni che, fra l’altro, dovranno dare il proprio contributo istradando verso uffici dedicati le imprese che sono eccessivamente indebitate o colpite dall’usura.

La seconda è la regolamentazione della sosta dei mezzi pesanti istituendo il divieto di sosta nel parcheggio fra via Fermi e via Ungaretti andando, poi, ad individuare una zona per la costruzione di un’area di sosta per i tir che sia sicura e con servizi igienici adeguati.

La terza strada riguarda la viabilità: bisogna realizzare un piano dettagliato per quanto riguarda le opere di ripulitura dei cigli e delle strade, prestare attenzione alla manutenzione delle strade di immissione su via Fermi che sono piene di buche, realizzare il marciapiede che dalla tangenziale est porta al palazzetto ed, infine, una nuova illuminazione pubblica nelle strade che più necessitano, a partire da via Cellini».

[amo pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento