ANSALDOBREDA, ROSSI: «FASE CRUCIALE, MASSIMA ATTENZIONE: CHIEDIAMO INCONTRO AL MISE»

Un Presidente che vede lontano...
Un Presidente che vede lontano…

PISTOIA. “Sul futuro di AnsaldoBreda stiamo entrando nella fase cruciale. Vogliamo far sapere che la nostra attenzione è massima e chiediamo che i territori e i sindacati siano informati prima che venga presa qualunque decisione: ne abbiamo il diritto. A Fimeccanica e al Governo, che detiene la golden share, chiediamo un incontro al Ministero per lo sviluppo economico per avere il quadro della situazione. Confido che l’amministratore delegato di Finmeccanica prenderà la decisione migliore e confortano le sue dichiarazioni che le offerte devono essere all’altezza. Ma chiedo che non venga presa alcuna decisione senza prima passare per un confronto con istituzioni, forze sociali e territori”.

È questa la posizione espressa dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, al termine dell’incontro che ha avuto questo pomeriggio (ieri 3 novembre – n.d.r.) in Palazzo comunale a Pistoia sulla situazione di AnsaldoBreda, presenti il sindaco Samuele Bertinelli, la presidente della Provincia Federica Fratoni, parlamentari e consiglieri regionali di zona, insieme ad una folta rappresentanza sindacale, dalla Rsu aziendale, al livello provinciale a quello regionale.

“Vogliamo ribadire – ha aggiunto Enrico Rossi – che rispetto ai possibili acquirenti a noi interessano il piano industriale, gli investimenti previsti, il mantenimento dei livelli occupazionali, oltre alla volontà di rilanciare il polo e il distretto ferroviari. E se da questo punto di vista le offerte non daranno le necessarie garanzie, chiediamo che Finmeccanica continui a farsi carico di AnsaldoBreda”.

Il presidente ha ripercorso gli avvenimenti degli ultimi anni, sottolineando l’impegno delle maestranze per risanare l’azienda, provata da un management non all’altezza, ma finalmente incamminata “sul giusto binario produttivo e con i conti in ordine”. Ha sottolineato come l’incertezza duri da troppi anni e come in questa fase delicata non serva il decisionismo quanto la condivisione e il confronto, giudicando corretta l’impostazione di Mauro Moretti ma rivendicando che “anche a noi deve essere consentito di capire quale proposta abbiamo di fronte”.

Parlando delle prospettive e degli spazi per il rilancio del settore e del sistema ferroviario regionale, non ha mancato di far notare come si siano spesi decine di miliardi per l’Alta velocità che trasporta ogni giorno 50.000 passeggeri mentre si è trascurato il trasporto pubblico locale e regionale, utilizzato ogni giorno da 5 milioni di passeggeri.

[scritto da tiziano carradori, lunedì 3 novembre 2014]

 

SIAMO ALLA MORCHIA

 

Il legame fra Breda e partito
Il legame fra Breda e partito

DUE ANNI e mezzo fa, quando Bertinelli s’accingeva a salire al soglio pontificio, Rossi venne a Pistoia (e non solo lui) e disse, pari pari, le stesse cose.

La politica italiana, come una palla, rimbalza sempre allo stesso modo: cambiano i tempi, identici restano stili e contenuti.

Anche ieri Rossi è arrivato – in dirittura di avvio della campagna elettorale – a dolcificare le aspettative dei dipendenti dinanzi ai quali non si apre, ormai più, la prospettiva degli anni alla svendita a Napoli, in questo momento: è venuto a prendere in giro, il Presidente, la plebe-portafoglio come un tempo del Pci oggi di quella poltiglia partito-sinistro-democristiana che, a occhio e croce, assomiglia (per forma, colore, odore e sapore) alle olive spiaccicate dalle macine di granito nei frantoi.

Solo che oggi, cari politico-sindacati, di quel po’ d’olio che si faceva allora, è rimasta solo la morchia.

Dìteglielo a chiare note a Rossi: a quello stesso che vi ha castrato la tasca e la sanità aumentandovi le addizionali e piazzandovi sul groppone 19 milioni di affitto per il San Jacopo e per la durata di 19 anni.

E se non volete fare la figura dei pistoiesi bauloppi, rispedìtelo a quel Paese dove c’è tanta gente che ci va! È arrivato il momento.

e.b.

 

DIZIONARIETTO DEI TERMINI LOGORI DELL’IMPOTENZA

  • attenzione massima: ce lo stanno mettendo in tasca
  • confido che (si prenda la decisione migliore): che Dio ce la mandi buona e senza vento
  • confronto con istituzioni, forze sociali e territori: c’è tanto fumo, così parrà che ci sia anche tanto arrosto – ma sono solo lenticchie
  • fase cruciale: siamo alla frutta, ma facciamo ammuìna
  • Finmeccanica continui a farsi carico di AnsaldoBreda: diciamo così che loro ci credono…
  • golden share: un po’ di inglese fa sempre comodo alla compagneria evoluta e affrancata dal Pcus
  • le necessarie garanzie: l’aspirina per far calare la febbre della depressione
  • mantenimento dei livelli occupazionali: le note che guidano gli incontri ravvicinati di terzo tipo
  • ne abbiamo il diritto: la formula sacra del perdente
  • polo e il distretto ferroviari: frammenti di un discorso industriale (andato in frantumi)
  • quadro economico della situazione: i dati di cui si parla ma che nessuno farà mai vedere nella sua brutale realtà (al cavallo in vendita… gli si lucidano i denti)
  • incontro al Mise: Ministero per lo sviluppo economico? Forse è un errore: si voleva dire alla Mise[ricordia]…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento