APPROVATO L’ODG A FAVORE DELLA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE DESTINATO ALLA FUNZIONE DI ASSISTENZA ALLA AUTONOMINA E ALLA COMUNICAZIONE NELLE SCUOLE

Senesi e Bardelli (Fdi Toscana) commentano positivamente l’approvazione: “Un altro importante traguardo per la scuola italiana”

Michela Senesi

FIRENZE. Con l’OdG presentato dall’on. Bucalo e approvato ieri alla Camera è stato raggiunto grazie a Fratelli d’Italia un altro importante traguardo per la scuola italiana, nonostante le difficoltà del momento e l’incapacità dimostrata dall’attuale esecutivo nella gestione della pandemia: il governo si impegna a valutare la possibilità di avviare la stabilizzazione, nei ruoli dello Stato, del personale destinato a svolgere la funzione di assistenza all’autonomia e alla comunicazione nelle scuole di ogni ordine e grado con almeno 36 mesi di servizio.

Si tratta degli Assistenti Educativi, figure indispensabili per portare a compimento il processo di inclusione degli alunni disabili, previsto dalle leggi 104/1992 e 170/2010, svolgendo un’attività educativa volta a promuovere la loro crescita umana e civile in collaborazione con gli insegnanti della classe e in particolar modo con quelli di sostegno.

Questo personale specializzato nell’assistenza alla comunicazione risulta insostituibile per la didattica dei ragazzi con disabilità gravi, soprattutto dei non vedenti e dei non udenti.

Elena Bardelli

Secondo gli ultimi dati ISTAT, sono circa 50.000 gli Educatori e le Educatrici Professionali che ogni giorno entrano nelle scuole italiane,  contribuendo alla formazione dei ragazzi  con disabilità o con bisogni educativi speciali. Eppure, nonostante siano di fatto parte integrante della comunità educante, gli Assistenti all’Autonomia e alla Comunicazione non fanno parte dell’organico della scuola, ma dipendono da Cooperative e Associazioni che, su mandato degli enti locali, stabiliscono un monte ore di intervento nelle classi, in seguito alla richiesta delle Istituzioni scolastiche. 

L’approvazione dell’OdG di Fratelli d’Italia, potrebbe restituire dignità e professionalità a queste figure professionali, chiedendone l’inserimento nei ruoli del Ministero dell’Istruzione dopo 36 mesi di servizio anche non continuativo.

Ciò comporterebbe  un risparmio economico per lo Stato e favorirebbe la continuità didattica, particolarmente preziosa per gli studenti più fragili, bisognosi di avere accanto, a motivo delle loro problematiche e necessità,  le stesse figure di riferimento per tutto il percorso formativo all’interno della scuola.

Auspichiamo che il governo dia sollecita attuazione a quanto richiesto e approvato per il bene di tutta la comunità educante.

Michela Senesi ed Elena Bardelli – Dipartimento Regionale Istruzione, Fratelli d’Italia-Toscana

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email