arrossire. IL PD DI AGLIANA GETTA LA SPUGNA E SCAPPA COME UNA LEPRE IN FUGA

I dem della Piana abbandonano i lavori nel Consiglio per non affrontare cinque interrogazioni imbarazzanti
I cattivi: Baroncelli e Benesperi, candidato Sindaco di centrodestra

AGLIANA. Non potevamo immaginare che la ex-maggioranza Pd (oggi posizionata nel limbo) avrebbe abbandonato i lavori del Consiglio motivando il suo ritiro sull’Aventino con la stravagante e più che sospetta necessità di eludere la discussione sulle cinque interrogazioni della destra: quella sull’acquisto di pacchetti pubblicitari a Tvl, quella sul trasferimento di personale (caso Amalia Vuono), quella dei motoscooter, quella sulla vertenza dell’agente Neri e quella sull’uso assai improprio del Targa System.

Il Presidente Nerozzi si è dovuto arrendere al voto del consiglio autorizzando la posticipazione delle discussioni dei punti “imbarazzanti” in elenco al 3, 4, 5, 6 e 7 dell’ordine del giorno e ha prestato il fianco a una sorta di “coalizione dei codardi” che ha determinato la fuga in massa dall’aula.

Chiaramente, trattandosi dell’ultimo consiglio comunale, i consiglieri Pd della fronda Vannuccini hanno annunciato che il loro abbandono è definitivo: insomma hanno chiuso in bruttezza, ma, pur ingiustificabili, si giustificano dicendo che sono stati costretti: da chi? Da Rino [nau]Fragai e dal Pd di Pistoia?

Le interrogazioni “intrattabili” che fanno arrossire il Pd di Agliana

Le forze di opposizione si sarebbero accanite con un numero eccessivo di interrogazioni da scandalo: sono stati troppo bravi e noi (il Pd o quel che ne resta) li puniamo con l’abbandono del Consiglio: questa in sintesi la motivazione della secessione sull’Aventino.

Il capogruppo Manetti ha spiegato che la colpa del loro comportamento è tutta da ascrivere ai due “cattivi” di oggi, Benesperi e Baroncelli: avendo loro raccolto una quantità industriale di interrogazioni imbarazzanti – che mettevano in luce la più che discutibile gestione dell’amministrazione illuminata del P[arrocchia] D[emocratica] –, erano stati polemici e pretestuosi, anche considerando che il 40% delle interrogazioni incombeva sulla gestione del comando di Pm, riconducibile sostanzialmente all’ottimo comandante Andrea Nesti e alla nuova responsabile del servizio associato, la dottoressa Paola Nanni che con tanta passione ha voluto che si approvasser un Regolamento di servizi associati di polizia municipale che è poi, nonostante l’unzione di mamma Cgil, è risultato illegittimo e antisindacale.

Insomma il teatrino dei burattini della politica aglianese sembra chiudersi in modo deplorevole: una maggioranza politicamente ermafrodita che impedisce l’accertamento di gravi e sin qui documentate responsabilità politiche e amministrative che avevano origine da [san] Polo Magnanensi, passando per la Ciampolini con oltre 100mila euro di spese pazze caricate sul groppone dei cittadini. In giornata il commento del direttore.

[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “arrossire. IL PD DI AGLIANA GETTA LA SPUGNA E SCAPPA COME UNA LEPRE IN FUGA

Comments are closed.