ASL 3 E INDICATORI SANITARI: UN VERO E PROPRIO DISASTRO

Basta consultare i documenti ufficiali, mai analizzati e pubblicati dalla direzione sanitaria pistoiese, ed emerge un triste bollettino di guerra
Un Piot non è un neccio con la ricotta...
Un Piot non è un neccio con la ricotta…

CUTIGLIANO-MONTAGNA. In qualità di Consigliere di minoranza di Cutigliano, Marco Ferrari, chiedendo la riunione urgente della Conferenza Provinciale dei Sindaci, in merito alla distruzione della sanità montana operata dall’Asl 3 Pistoia di Roberto Abati, scrive:

La riorganizzazione sanitaria attuata sul territorio provinciale dalla Asl 3 Pistoia negli ultimi tre anni a guida del direttore Roberto Abati è stata un fallimento.

A sancirlo – purtroppo – e a rendere giustizia (magra consolazione) ai tanti cittadini e associazioni non asserviti ai partiti, che da più di due anni puntano il dito contro i tagli indiscriminati ai servizi sanitari attuati sulla Montagna Pistoiese e nel Pesciatino, sono gli indicatori delle performance sanitarie diramati dalla Scuola Superiore Sant’Anna.

La bufala del tanto decantato “potenziamento” dell’Ospedale di San Marcello è stata sfatata e confutata fin nelle fondamenta.

L’apposito indicatore “ospedale-territorio” che intende rilevare l’efficacia delle attività e dei servizi forniti dall’assistenza territoriale e la capacità delle strutture territoriali di prendere in carico il paziente, registra a Pistoia un insufficiente 0,73, che colloca la Asl 3 all’ultimo posto di questa specifica graduatoria.

La scommessa fatta in montagna con l’operazione Piot, acronimo proprio di “Presidio Ospedale Territorio”, un’operazione che avrebbe dovuto rappresentare il fiore all’occhiello dell’integrazione territoriale ospedaliera su cui si sono basate gran parte delle azioni attuate dalla Asl 3 Pistoia al solo fine di mascherare i tagli e la riduzione dei servizi, è stata non un investimento, ma un azzardo fatto sulla pelle dei cittadini.

I brillanti risultati della nuova Sanità Montana di Rossi & C.
I brillanti risultati della nuova Sanità Montana di Rossi & C.

Anche la valutazione del servizio di emergenza-urgenza, pronto soccorso e 118, è sotto la media regionale e vede l’azienda sanitaria di Pistoia al terzultimo posto.

Ai risultati deludenti, si aggiunge la beffa dell’ex-Pronto Soccorso di San Marcello Pistoiese demansionato a semplice Punto di Primo Soccorso nel giugno del 2011, che per ragioni di opportunismo politico viene ancora chiamato, su atti ufficiali e documenti della Asl, Pronto Soccorso.

Se solo vi fosse la volontà politica si potrebbero attuare le linee guida della Conferenza Stato-Regioni, che prevedono, per le aree montane e disagiate, delle vere e proprie strutture di Pronto Soccorso, che risponderebbero meglio alle esigenze della popolazione stanziale e turistica, che per un “nonnulla” sono costretti a spostarsi al San Jacopo.

Il dato però più preoccupante è il trend negativo registrato negli ultimi anni, proprio in queste specifiche aree, che vedono la Asl 3 Pistoia arretrare in maniera vistosa.

I Sindaci e le amministrazioni dei Comuni montani, alla luce di questi risultati negativi devono chiedere, l’indizione di una conferenza provinciale dei Sindaci, in cui la dirigenza della Asl e il suo direttore, siano chiamati a rendere conto dei risultati raggiunti e di come sono state impiegate le ingenti risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione Toscana per l’attuazione delle azioni di riordino e di riassetto territoriale.

Codice rosso: multe a più non posso
Codice rosso: multe a più non posso

Se non fosse per il fatto che la Asl 3 Pistoia sparirà, fagocitata dall’area vasta, e non ci sarà nessun altro direttore, il dott. Roberto Abati andrebbe immediatamente sfiduciato.

Come Lista Civica “Cutigliano è qui che Voglio Vivere” abbiamo presentato, un’apposita mozione che verrà discussa nel prossimo consiglio Comunale, per chiedere la convocazione urgente della Conferenza Provinciale dei Sindaci.

Il presente comunicato stampa è inviato per doverosa conoscenza a tutti i Sindaci della Montagna perché sul problema Sanità non possono esistere divergenze. I servizi, a partire da quelli sanitari, possono essere riportati in Montagna solo con una vera unità di tutti i Consigli Comunali.

Marco Ferrari
Consigliere di Minoranza Cutigliano

Allegati: Grafici Integrazione Ospedale-Territorio anni 2014, 2013, 2012, 2011; Grafici Percorso di emergenza urgenza anni 2014, 2013, 2012, 2011; Grafici Ricoveri ripetuti 2013 e 2014; Descrizione indicatori sanitari

Scarica:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento