asl 3. OCULISTICA A PESCIA, ARRIVERANNO NUOVI MEDICI

I due pensionamenti in corso saranno compensati entro il febbraio del prossimo anno
Chirurgia oculistica
Chirurgia oculistica

PESCIA. È uno dei vanti dell’Azienda sanitaria pistoiese che il commissario dell’Azienda sanitaria dell’area vasta centro, Paolo Morello Marchese, d’intesa con il vicecommissario Roberto Abati e la direttrice sanitaria del presidio ospedaliero pesciatino Elisabetta Cortesi, intende salvaguardare.

Per questo sono già pronte le soluzioni con cui fare fronte ai pensionamenti in programma all’oculistica dell’ospedale di Pescia dove un dirigente medico otterrà il meritato riposo a fine ottobre, un altro a partire dal mese di febbraio 2016 ed un terzo nel lontano 2018.

Attualmente non ci sono graduatorie dalle quali poter attingere per sostituire i due professionisti, e in attesa dell’indizione di un concorso, viene aumentata di 10 ore settimanali, che passano così da 28 a 38, la presenza di uno specialista ambulatoriale, il dottor Caponi, che già opera nella struttura e gode della stima dell’equipe altamente qualificata nella quale opera e viene ampliata l’offerta dei rapporti libero professionali, attivando un contratto o a tempo determinato o come sumaista, concordando la modalità più appropriata con il responsabile dell’oculistica di Pescia al fine di garantire per quanto possibile l’acquisizione di oculisti con esperienza chirurgica.

Il gruppo dell’oculistica dell’ospedale di Pescia, oltre ai professionisti che in un arco di tempo prossimo ma non ravvicinato maturano il diritto alla pensione, dispone di professionisti che continuano l’ottima tradizione del presidio.

Nei giorni scorsi il consigliere regionale Marco Niccolai, facendosi portavoce delle preoccupazioni di vari cittadini e consapevole che questa specialità qualifica da anni l’ospedale pesciatino, aveva interpellato il commissario Morello affinché venisse chiarito che questa eccellenza del presidio valdinievolino non era in discussione né per l’oggi né per il domani.

Per quanto riguarda gli appuntamenti per le visite oculistiche che la lettera di un cittadino ha segnalato ai quotidiani locali, la direzione sanitaria precisa che accessi diretti e urgenze sono garantiti in tempo reale (in giornata) e in tempi brevi per le visite di controllo, mentre nel caso di prime visite per le quali i tempi di attesa sono più elevati si ricorre anche alla disponibilità a livello aziendale di prestazioni erogate in altre sedi o in strutture convenzionate.

[panigada – usl 3]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento