ASL-PIOT: RISORSE TAGLIATE E BILANCI PREVENTIVI IN CRESCITA

Il bilancio di previsione 2014-16
Il bilancio di previsione 2014-16

SAN MARCELLO-MONTAGNA. L’argomento per eccellenza adottato in ogni dove per giustificare e far digerire al “popolo bue” i tagli operati con la mannaia ai servizi pubblici pagati sempre più a caro prezzo, è pronunciato come un dogma e ripetuto come un mantra: “Non ci sono risorse, i trasferimenti statali, regionali sono drasticamente diminuiti”. Una motivazione inappellabile e inconfutabile.

Ma i fatti sono effettivamente questi e la verità imperscrutabile del dogma è valevole per tutti anche per chi lo asserisce o soltanto per i credenti, il Popolo che Democraticamente elegge i suoi rappresentanti?

Come prima cosa sarebbe da domandarsi quali sono le risorse che non ci sono più. Risulta che una qualche materia prima sia venuta a mancare? Gli Arabi hanno per caso chiuso i rubinetti del petrolio? È in atto una carestia mondiale (vedi su Wikipedia l’elenco delle carestie del XX secolo)? La faccenda però si allargherebbe oltre misura, inoltre ci sono trattati e saggi che ne parlano ampiamente.

Prendiamo comunque come valido l’assunto del dogma, propinato ai fedeli raccolti in religioso silenzio e ai miscredenti, anche durante l’omelia, di venerdì 9 gennaio, tenuta dalla Asl di Pistoia al capezzale del fu ospedale Lorenzo Pacini (pace all’anima sua) di San Marcello Pistoiese.

Le risorse diminuisco e annualmente si deve tener conto dei minori trasferimenti operati dalle regioni alle Asl, da qui la necessità di inventarsi nuovi modelli organizzativi che possano preservare, il più possibile, la qualità dei servizi erogati ai cittadini.

Questo in sintesi il motivo della visita effettuata dalla delegazione della Asl Valdostana all’innovativo Piot: esaminare un’organizzazione dei servizi territoriali diversa. Se sia più conveniente e virtuosa sarebbe da conoscere, quantificando il costo dell’Ospedale Pacini, confrontandolo con quello dell’attuale Piot e tenendo conto dei maggior costi di trasferimento verso la piana.

L’omelia, soprattutto per chi si avvicina con la ragione alla fede, deve essere accompagnata con la lettura dei Vangeli, in questo caso dei bilanci.

Prendiamo il bilancio preventivo, cioè il documento contabile in cui si stimano entrate e spese future, relativo al triennio 2014-2016 redatto dalla stessa Asl 3 Pistoia. Un documento, data la natura di previsione, non vincolante, ma utile alla pianificazione degli investimenti (vedi qui).

Piot Pacini di San Marcello P.se
Piot Pacini di San Marcello

Il bilancio è datato 5 dicembre 2013 a Piot già realizzato e a dogma ormai consolidato.

Le previsioni di entrata, costituite per lo più dai trasferimenti regionali, sono in crescita costante del 3%: ma non vanno dicendo che le entrate sono state tagliate [1] e che diminuiscono? Perché allora fare previsioni incrementative? Bizzarro: predicano bene ma poi i conti li fanno così senza minimamente tenere in considerazione il verbo detto e santificato alle messe.

Per dovere di cronaca segnaliamo che il bilancio di previsione del 2014 è stato poi rivisto al ribasso. Aspettiamo ora il bilancio preventivo 2015-2017.

___________

[1] Fateci caso, si limitano a dire che le risorse sono tagliate, come se leggessero le previsioni del tempo e annunciassero la pioggia. Il “chi è che fa piovere” non è pertinente, ma “chi è che taglia” sì! Il dettaglio del chi, evidentemente è ritenuto superfluo, inevitabile, viene sempre omesso. Che sia inopportuno?

Vedi anche:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento