aurelio amendola. IN UNA MOSTRA LA BELLEZZA RACCONTATA IN QUASI TRECENTO IMMAGINI

Oggi alle 12 ci sarà anche il presidente della Regione Eugenio Giani alla presentazione della “Antologica” dedicata al grande fotografo pistoiese

Il banner

PISTOIA. [a.b.] Si inaugura oggi lunedì 8 febbraio alle ore 12 in Palazzo de’ Rossi, via de’ Rossi 26, alla presenza del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani la presentazione di Aurelio Amendola. Un’antologia, dedicata al grande fotografo pistoiese.

Con questa mostra in programma fino al 25 luglio 2021, a cura di Paola Goretti e Marco Meneguzzo, la Fondazione Pistoia Musei porterà in scena nelle sue due sedi di Palazzo Buontalenti e dell’Antico Palazzo dei Vescovi la Bellezza raccontata in quasi trecento immagini.

“Aurelio Amendola, abile sperimentatore di accostamenti inediti tra Antico e Contemporaneo – si legge in un comunicato – è tra i fotografi più eleganti e prolifici del nostro tempo: le sue immagini hanno una forza antica di milioni di anni e, allo stesso tempo, trasmettono pura grazia e melodia.

La mostra della Fondazione Pistoia Musei vuole essere un omaggio alla carriera di un autore di grande intensità, capace di trasformare elementi naturali in metafore di sensualità e carnalità, saldamente ancorato al contesto culturale toscano e alla sua Pistoia in particolare, e tuttavia non soltanto artista del genius loci ma interprete della creatività universale”.

Aurelio Amendola ritratto

Articolata in due grandi parti – Antico e Contemporaneo – legate da continui rimandi figurativi la mostra ripercorrerà oltre 60 anni di attività e tutti i generi nei quali l’autore si è sperimentato, approfonditi da specifiche sezioni.

“Si tratta della prima esposizione che raccoglie la quasi totalità della produzione di Amendola, offrendo al pubblico l’opportunità di ammirarne la coerenza figurativa, il legame con la tradizione classica, con la storia dell’Arte e della Fotografia, con i grandi maestri contemporanei”.

Fotografo dell’Ermitage di San Pietroburgo, degli Uffizi, dei Musei Vaticani, della rivista FMR, del Vittoriale degli Italiani, e di numerose altre istituzioni museali nazionali e internazionali, legato a molti artisti del Novecento, Aurelio Amendola è un autore di fama mondiale, la cui fotografia non si riduce a semplice riproduzione, ma è simile alla pratica scultorea, alla sua armonia plastica: è volume e sensualità.

Interprete per eccellenza dell’opera di Michelangelo, sublime testimone dell’antico nei suoi scatti dedicati a Canova, Bernini, Jacopo della Quercia, Donatello e Giovanni Pisano, e del contemporaneo con i suoi ritratti di Burri, de Chirico, Warhol, Manzù, Vedova, Ceroli, Lichtenstein, Kounellis e molti altri, Amendola è stato capace di dialogare con lo spirito degli artisti, restituendone stile e intensità.

Lontano dal modello documentaristico, con la grazia speciale della qualità atmosferica e sensoriale dei suoi scatti, la fotografia di Aurelio Amendola non è mai oggetto estetico ma un atto poetico, nello stesso tempo carnale e spirituale, meditativo e seduttivo.

L’evento, che ha il patrocinio del comune di Pistoia, si avvale della sponsorizzazione della Fondazione Caript | Media partner Sky Arte | Partner UnicoopFirenze.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email