BARDELLI (FDI-AN): «IL SINDACO? HA CERCATO ANCORA DI IMPEDIRMI DI PARLARE»

Elena Bardelli, Fdi-An
Elena Bardelli, Fdi-An

SERRAVALLE. È accaduto di nuovo all’ultima seduta consiliare. Il Sindaco, che è anche Presidente del Consiglio Comunale, durante la discussione della mozione da me presentata a favore dell’introduzione delle telecamere negli asili nido comunali, ha cercato di negarmi il diritto di replica dopo l’intervento degli altri consiglieri, pretendendo di sottoporla subito a votazione.

Sosteneva che i consiglieri proponenti abbiano diritto a due interventi e che con la lettura del testo e la conseguente illustrazione avessi esaurito la possibilità di intervenire. È stato il Segretario Generale, interpellato per dirimere la questione, a stabilire – dopo aver riletto il

Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale – che avevo facoltà di parola. Perché non si ripeta più un fatto del genere, né per me né per nessun altro consigliere, riporto a chiare lettere cosa afferma il Regolamento in merito alla possibilità di intervento dei relatori di proposte in consiglio.

Eugenio Patrizio Mungai, Sindaco di Serravalle Pistoiese
Eugenio Patrizio Mungai, Sindaco di Serravalle Pistoiese

Si tratta di un passo diverso da quello citato dal Segretario: “Il Presidente (ossia il Sindaco) od il relatore (che secondo l’art. di riferimento – che invito a rileggere – può essere il Sindaco o l’Assessore da lui incaricato in quanto relatori di proposte di deliberazione oppure i Consiglieri che propongono documenti da sottoporre a votazione) replicano in forma concisa agli interventi, associando quelli che hanno avuto lo stesso oggetto o motivazione, nel tempo richiesto dalla loro natura e numero.

“Il Presidente, dopo che su un argomento hanno parlato tutti i consiglieri che ne hanno fatto richiesta, avvenuta la replica sua o del relatore e le controrepliche, dichiara chiusa la discussione” (art. 22, cc. 5-6).

È giusto che i cittadini sappiano quale sia la considerazione che Sindaco e Giunta riservano ai consiglieri di opposizione e come siano rispettosi delle loro opinioni e del loro lavoro.

Scavalcando i regolamenti, vorrebbero addirittura impedire che questi possano esprimere le proprie idee e ribattere a chi spesso in sede di consiglio dimostra di travisare intenzionalmente le loro parole. Temono forse che le proposte e le posizioni altrui risultino più ragionevoli e ispirate al buon senso?

Elena Bardelli
Consigliere Comunale Fdi-An

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “BARDELLI (FDI-AN): «IL SINDACO? HA CERCATO ANCORA DI IMPEDIRMI DI PARLARE»

  1. L ‘UNICO intervento politico è stato l’itervento dell’assessore al 28 del mese SPINELLI GIANFRANCO sella: à buttato la pasta quando l’acqua bolliva…! Silenzio assoluto, dall’assessore DAGHINI , in forza?? anche ferito in scontri di piazza per la difesa della sua poltroncina non è mancato al consiglio. Una cosa è certa conigliera Bardelli,oramai il cerchio magico, si e rotto,l’Avvocato donna non vorrà certamente governare con questa panzanella..!!

  2. I consiglieri (sua di maggioranza che di minoranza) sono espressione della volontà popolare, rappresentano gli elettori, e non possono nemmeno parlare?
    Bella democrazia! Meno male che siete il Partito Democratico….

Lascia un commento