BARRIERE ARCHITETTONICHE STAZIONI: L’ATTENZIONE DELLA REGIONE

Vincenzo Ceccarelli
Vincenzo Ceccarelli

FIRENZE. Vicina la sostituzione, nel corso del 2016, dell’ascensore della stazione di Pistoia e vincolo del 75% dei servizi giornalieri offerti con convogli accessibili per disabili, all’interno del prossimo contratto di servizio tra Regione e Trenitalia.

Sono due aspetti importanti contenuti nella risposta dell’Assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli all’interrogazione di Marco Niccolai, consigliere regionale Pd con oggetto “In merito al diritto alla mobilità e all’accessibilità per le persone con disabilità o con mobilità ridotta nelle stazioni ferroviarie di Montecatini e Pistoia”.

Niccolai ha presentato l’interrogazione in particolare dopo un episodio che aveva riguardato una bambina disabile, costretta a subire diverse difficoltà nel trasferimento dalla stazione di Montecatini a quella di Pistoia; a seguito di ciò l’atto ha chiesto un impegno specifico sulla questione, viste le diverse criticità rilevate nelle due stazioni.

Il consigliere regionale Pd Marco Niccolai
Il consigliere regionale Pd Marco Niccolai

“La vicenda da cui è nata l’interrogazione è stata all’attenzione dell’opinione pubblica nelle scorse settimane; la celere risposta dimostra che la Regione continua a seguire con quotidiana attenzione il tema dell’accessibilità delle stazioni, anche sul nostro territorio, e a testimoniarlo è anche il fatto che l’episodio è stato immediatamente affrontato e chiarito con i familiari della ragazza coinvolta, con cui Regione e Rfi si sono prontamente scusati e da cui sono state recepite importanti indicazioni per una fruizione ottimale dei servizi – fa presente Niccolai –. Buona notizia è la prossima sostituzione dell’ascensore a Pistoia, che tanti disagi ha causato a persone con disabilità.

Il costante impegno della Regione contro le barriere architettoniche è dimostrato dal vincolo di convogli accessibili imposto nel nuovo contratto con Trenitalia ma anche dal monitoraggio, messo già in programma, sulle barriere architettoniche di tutte le stazioni ferroviarie del territorio regionale, in modo da avere presente criticità e poterle segnalare a Rfi affinché compia in essere gli interventi strutturali per il loro superamento.

Ringrazio quindi l’assessore Ceccarelli per l’impegno e la sensibilità rispetto a una questione di civiltà come il pari accesso ai servizi per le persone diversamente abili. Dobbiamo continuare a tenere alta l’attenzione su questo tema, nell’ottica di compiere interventi concreti e continui”.

[camaiora– consiglio regionale toscana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “BARRIERE ARCHITETTONICHE STAZIONI: L’ATTENZIONE DELLA REGIONE

  1. No…non ci siamo…secondo me queste cose testimoniano, che ancora nel 2015 siamo degli incivili: ma figuriamoci se ancora si deve star qui a segnalare cose che sono a conoscenza da sempre delle FS così come degli enti pubblici interessati. Ma ci prendete in giro? Non sapete come è fatta casa vostra e quali sono le criticità?
    Il “costante impegno della Regione contro le barriere architettoniche”….ma se siete voi amministratori e politici e dirigenti, con la vostra programmazione del piffero ad aver contribuito a crearle con decenni di opere che non tengono in alcun conto delle persone disabili!…vi dice niente il “Giardino Volante”? 1 milione di euro e i disabili motori che al massimo possono stare sul marciapiede rialzato perimetrale, facendo bene attenzione a non cascare?
    Suvvia fatela finita….costante impegno della Regione contro le barriere architettoniche…a leggervi sembra che sia una lotta all’ultimo sangue contro un nemico inafferrabile…

Lascia un commento