‘BE LEGEND!’, TEATRO PEDAGOGICO

Ieri al Bolognini per «Infanzia e città» tre giovanissimi debuttanti
Sara Bonaventura e Claudio Cirri (attori) con Zeno, Olga e Atnonio
Sara Bonaventura e Claudio Cirri (attori) con Zeno, Olga e Antonio, i debuttanti

PISTOIA. Se glielo avessero chiesto davvero, ad Amleto, a Giovanna d’Arco e ad Adolf Hitler, da bambini, cosa avrebbero mai voluto fare da grandi, chissà cosa avrebbero risposto. Antonio, Olga e Zeno, che ieri sera, al Bolognini, li hanno rappresentati in Be Legend!, hanno dato le loro innocentissime versioni, pensando, seppur in cotante vesti epiche, alle loro legittime aspirazioni.

Il gioco, del resto, è questo, quello che la troupe di Teatro Sotterraneo esercita sistematicamente nei teatri e nelle città nelle quali è ospitata e anche in questa circostanza pistoiese Sara Bonaventura e Claudio Cirri hanno allegramente riproposto il loro repertorio didattico-drammaturgico dando un esilarante non senso a tre vite storicamente incancellabili, come il dubbioso personaggio shakespeariano, la martire francese e il dittatore tedesco.

L’esperimento, anche stavolta, è riuscito, perché questa di Teatro Sotterraneo è forse una delle cose che più calzano e che meglio rispondono alla teoria ispiratrice di Infanzia e città: in questa circostanza il connubio tra cultura – termine che sovente stride con la magnifica innocenza e spensieratezza adolescenziali – e infanzia è veramente felice, produttivo, mirato. Si affrontano tematiche importanti, per le quali occorre necessariamente documentarsi; si recita, rispettando a pieno i canoni del palcoscenico e ci si diverte, parecchio, protagonisti e spettatori, dando così alla comunicazione i suoi migliori contenuti.

Antonio, Olga e Zeno, con molta probabilità, una volta grandi, si immergeranno nel mondo del lavoro svolgendo professioni che nulla hanno a che fare con il mondo dello spettacolo. Lo spettacolo di ieri sera, siamo convinti, non lo dimenticheranno: certo, per l’emozione di aver ricevuto, per la prima volta e non dai genitori, applausi; ma anche e soprattutto, ci auguriamo, per essere riusciti a trasformare in realtà una semplicissima idea e che per farlo si siano dovuti impegnare molto e molto seriamente.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento