BECCATO ANCORA UNA VOLTA A TRASPORTARE E SMALTIRE ILLECITAMENTE 2500 KG DI RIFIUTI TESSILI

Scattata una nuova denuncia a carico di H.J., 46 anni. Dalla fine del lockdown sequestrati 7 furgoni, un camion, 2 immobili e tonnellate di rifiuti tessili destinati allo smaltimento irregolare

Rifiuti tessili

PRATO. Ancora una volta la Polizia Municipale lo ha colto mentre stava trasportando 2500 kg di rifiuti tessili senza autorizzazione per lo smaltimento: è scattata una nuova denuncia per H.J., 46 anni di nazionalità cinese, insieme al titolare di una confezione al Macrolotto, da parte dell’Unità operativa Investigativa.

L’attività di indagine si inserisce nel filone che aveva portato la Municipale di Prato a collaborare con i colleghi di Firenze per lo smaltimento di rifiuti tessili nei cassonetti per la nettezza urbana di Rifredi da parte di due cinesi residenti nel capoluogo toscano, H.J di 46 anni ed il figlio H.Y di 20, entrambi regolari e residenti a Firenze.

I due sono stati poi denunciati per il trasporto e lo smaltimento illecito dei rifiuti tessili, insieme al titolare di una confezione del Macrolotto e nell’occasione sono stati sequestrati la ditta ed il furgone usato dai due cittadini cinesi.

Il GIP del Tribunale di Prato ha inoltre disposto il sequestro preventivo degli altri 2 furgoni utilizzati per l’attività  illecita. La ricerca di uno di questi ha appunto portato sabato scorso  gli agenti dell’Investigativa ad intercettarlo al Macrolotto mentre accedeva al piazzale di una confezione. Gli agenti sono rimasti in osservazione durante le fasi di carico del furgone e lo hanno fermato una volta ripartito, accertando che, ancora una volta il cittadino cinese H.J. stava trasportando rifiuti tessili senza autorizzazione.

È stato quindi nuovamente denunciato all’Autorità Giudiziaria, così come il titolare della ditta che aveva conferito irregolarmente i sacchi di rifiuti.

In complesso l’attività di indagine svolta in questi mesi dalla fine del lockdown ha portato, anche in collaborazione con la Municipale di Firenze, al sequestro di 7 furgoni, un autoarticolato e 2 immobili, di cui uno a Firenze, e di ingenti quantitativi di rifiuti tessili destinati allo smaltimento illecito che adesso dovranno essere smaltiti regolarmente dai produttori.

[cb – comune di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email