bella boccia! LE BICICLETTE DEL MAZZANTI

Qualche domanda al Sindaco Mazzanti protagonista di una ennesima storia di ordinario spreco di denaro pubblico "seminato" tramite il carrozzone del Cis
La lettera anonima

QUARRATA-AGLIANA. La frittata, anche questa volta, è uscita bruciata e in compartecipazione a due Comuni, quello di Quarrata e quello di Agliana, con l’allora Sindaco Giacomo Mangoni (commissariato dal – mai dimenticato – Rino Fr[e]gai), che hanno impiegato dei soldi pubblici per avviare un ridicolo progetto di “igiene pubblica” divenuto poi un altro ennesimo caso di malagestione .

Sembra che le due amministrazioni demokrats avessero intercettato dei fondi della Ue per poi pagare degli stipendi (fantastici, se fosse confermato che sarebbero stati di 1.800 euro) a due simpatici giovanotti, non italiani, non quarratini e non aglianesi. Di dove erano costoro? Non ve lo diremo, lasciamo che sia la fervida mente dei lettori a scoprirlo.

Intanto che questi signori (almeno un paio) non svolgevano il loro lavoro, il disservizio continuava e nessuno svuotava i sacchetti della spazzatura nelle strade cittadine: un progetto dei soliti ferventi amministratori “cooperativisti”, fatto al caso utile per disperdere soldi pubblici nei rivoli dell’assistenzialismo più disgraziato, cioè costruito per ottenere il consenso elettorale, gettando alla finestra il denaro di tutti.

Che fine hanno fatto le costose biciclette?

Ci sembra che ci sia quanto basta per fare una bella interrogazione al Comune di Quarrata e, poi, aprire gli archivi di quello di Agliana: che bella la diversità!

Questo il testo riportato in una lettera anonima pervenutaci.

OGGETTO: che fine hanno fatto le biciclette acquistate dal ex cis per lo spazzamento manuale del comune di Quarrata poi cedute al Comune di Agliana le biciclette erano dotate di 2 bidoni per la raccolta dei rifiuti costate circa 1.300 euro a bicicletta usate pochissimo non si sa che fine hanno fatto.

Quarrata, il sindaco Mazzanti

Le biciclette venivano parcheggiate in via della Francesca presso il rimessaggio dei mezzi e sede della protezione civile di Quarrata ed erano date in consegna a 2 extracomunitari che dovevano spazzare e sostituire i cestini stradali della citta indicati dal comune.

Tutto spreco di soldi pubblici, poi vennero consegnate al Comune di agliana sempre a 2 extracomunitari con le stesse mansioni, visti poche volte in giro. Voci dicono che gli extracomunitari percepivano uno stipendio di 1.800 euro lordi pagati dalla comunità europea. Le biciclette sono state acquistate negli anni 2015 /2016 circa.

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]

PS – Ci dispiace. Siamo mortificati per la delusione che proverà la Barbara Dardanelli che ci segue e che sarà costretta a bacchettarci di nuovo…


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email