bellezze nascoste. UN TUFFO A MALBACCO

Un giorno nel Parco delle Apuane
Le cervaiole - Cave Henreaux
Le cervaiole. Cave Henreaux

SERAVEZZA. A pochi km dalla spiaggia di Forte dei Marmi si trova il Parco regionale delle Apuane, settore Versilia, che si estende per circa 20mila ettari, 200 km quadrati.

Le passeggiate, a piedi o in bicicletta, e le arrampicate su quei magnifici monti sono un classico per chi voglia un’alternativa alla frenesia della spiaggia, ma non tutti sanno di alcune vere e proprie perle che si trovano incastonate lungo il cammino.

Camminando verso le cave
Salendo verso le cave

La prima sorpresa si trova poco più in là di Seravezza, a Malbacco, dove il torrente Serra (che insieme al Vezza poi forma il fiume Versilia) scende in larghe pozze trasparenti e freschissime.

La quarta polla, la più alta sul livello del mare, è alimentata dal ruscello che scende a piombo da una fenditura sufficientemente ampia da fare da scivolo per chi abbia il coraggio di arrampicarsi fin lassù e poi fare un toboga di dieci metri per tuffarsi in un’acqua ialina e profonda.

Malbacco
Malbacco

Il greto del torrente può essere percorso, in estate, godendo della vista del monte Altissimo che domina la scena, e delle tante meraviglie naturalistiche che lì abbondano: i gigli selvatici, le libellule, i marmi e le serpentine colorate.

Nella stessa giornata, usciti dal greto del torrente, si riprende la macchina e, fatto ritorno a Seravezza, si procede per Levigliani – paese da cui si accede all’Antro del Corchia, un capitolo a parte per maestosità e bellezza – e Terrinca salendo fino alle cave delle Cervaiole dove, imboccato il sentiero tracciato dal Cai, in un paio di chilometri, si raggiunge quella magia sfavillante di marmo bianco scavato in geometrie architettoniche fantastiche, tanto più viste da vicino, con il bianco che spara e invade anche il cielo (tanto che sembrerebbe giusto che rimanessero congelate così, nel tempo, a salvaguardia del diritto dell’umanità a poterne godere).

Così tanta grazia davvero a portata di mano. Guardate voi stessi!

 

Un tuffo nel vetro
Un tuffo nel vetro

Un fondale di vetro
Un fondale di vetro

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento