BIDONI (DI OGNI TIPO) ALLA STAZIONE?

Bidoni alla stazione
Bidoni alla stazione

PISTOIA. Nella nostra città i vigili urbani fanno le multe ai motorini parcheggiati fuori dagli spazi appositi, potremmo dilungarci molto per analizzare il disagio che crea un motorino parcheggiato male, ma evitiamo.

Quello che però succede alla stazione di Pistoia, esattamente nel parcheggio per gli scooter, è semplicemente assurdo.

Come vediamo dalla foto, uno dei due accessi al parcheggio è completamente sbarrato da tre bidoni dell’immondizia che, per qualche assurdo motivo, sono stati posizionati lì.

Il disagio è dovuto al fatto che i posti destinati ai motorini sono stati sostanzialmente dimezzati, poiché, una volta che le file di posti sulla sinistra sono state tutte occupate, diventa impossibile accedere a quelle sulla destra.

Chi arriva alla stazione con lo scooter e ha bisogno di parcheggiarlo, è costretto a lasciarlo sul marciapiede o comunque in spazi non idonei al parcheggio.

Vista la propensione a fare multe a più non posso che hanno i nostri vigili, credo sia increscioso che anche il Comune gli dia man forte impedendo ai cittadini il libero accesso ai parcheggi. Soprattutto in un luogo come la stazione che è frequentato da persone che si muovono per motivi di studio o di lavoro.

Ci manca soltanto che a coloro che trovano un parcheggio regolare per il motorino gli venga spostato il mezzo in una zona irregolare, così, tanto per rendere l’esperienza del viaggio in treno più interessante.

Giovane Sindaco Bertinelli, approfittiamo dell’occasione per un ritorno alle origini e per un ripasso generale: non si impedisce l’accesso ai parcheggi coi bidoni dell’immondizia.

Lo dica anche a Publiambiente.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

4 thoughts on “BIDONI (DI OGNI TIPO) ALLA STAZIONE?

  1. Vorrei comprendere il nesso di casualità tra le multe dei vigili urbani ed i cassonetti messi male (piuttosto che le buche nelle strade).
    Se i cassonetti sono messi male, lo sono a prescindere.
    Oppure mi si vuol far credere che se i vigili non facessero le multe, dei cassonetti messi male non fregherebbe niente a nessuno?
    Sic stantibus rebus.

  2. D’accordo in pieno con Lorenzo….e volevate pure fare la Capitale della Cultura…..quei bidono sono un impedimento, un rischio, un insulto al buongusto. Sono lì da anni come quello fosse il posto giusto….pochi metri più in là c’è il parcheggio degli autobus, possibile che non se ne possa ricavare qualche metro quadrato?…ma poi, la racccolta porta a porta li non si fa? A che punto stiamo? Ciabattume come sempre?

  3. A volte pare che si voglia fare polemica sul nulla, tanto per farla.
    I bidoni prima di essere spostati in quel punto erano pochi metri prima, sul marciapiede, dove sul retro era stato accatastato di tutto e dove non era possibile passare a piedi se non invadendo la sede stradale e rischiando così di essere schiacciati da un’auto (con il casino che c’è in zona negli orari di arrivo dei treni).
    Altro posto dove metterli? Vedete un po’ se ce ne sono in tutta piazza Dante Alighieri, in modo che il camion di prelievo automatizzato li possa caricare e svuotare senza problemi per se e per il traffico o che siano veramente un cazzotto negli occhi per chi esce dalla stazione.
    Tra l’altro il parcheggio moto la sera viene utilizzato per fornire i pasti ai senza tetto o ai bisognosi, a dir si voglia, per cui la nettezza generata viene conferita nei bidoni in loco senza rischio di dispersione (piatti, bicchieri e stoviglie di plastica e vetro vario).
    Ricordo inoltre che il parcheggio degli autobus non c’è più da tempo, visto che l’area è stata occupata per le resedi della nuova Prefettura, Questura ecc. e gli autobus o partono direttamente dal deposito o sono in sosta davanti all’Inail.
    Per quanto riguarda invece le multe “a più non posso” dei vigili: ma in che città vive? Francamente un po’ più di ordine – e nemmeno dappertutto (basta andare nelle periferie, che sembrano il far west o in alcune zone franche entro la terza cerchia di mura) – lo si vede da quando ci sono gli ausiliari: e finalmente! Se le multe le fanno, vuol dire che chi se le becca proprio in regola non è; come dice il detto “male non fare, paura non avere”.

    Andrea

Lascia un commento