BILLERO (FDS) PROPONE LA FUSIONE TRA PISTOIA E SAMBUCA

Rosalia Billero
Rosalia Billero

PISTOIA. Pubblichiamo il testo della mozione sulla proposta di fusione dei Comuni di Pistoia e Sambuca inviatoci da Rosalia Billero-Federazione della Sinistra:

MOZIONE

Considerato che l’ultimo decennio ha visto ridurre drasticamente i trasferimenti dal Governo centrale agli enti locali e che tale riduzione ha ulteriormente risentito in termini quantitativi degli esiti della crisi economica in cui il Paese si trova da tempo;

Visto che gli effetti conseguenti alla diminuzione dei trasferimenti hanno reso sempre più problematico il mantenimento dei servizi di competenza ed a carico dei Comuni;

Preso atto che le zone pedecollinari, collinari e montane si trovano in condizione di maggiore sofferenza rispetto a quelle urbane, sofferenza ancor più accentuata per i Comuni di considerevole estensione territoriale, ma di non altrettanto consistente numero di persone residenti;

Valutato che al lento e costante abbandono delle abitazioni montane ha corrisposto il graduale spostamento a valle degli abitanti e che questo ha determinato la conseguenza di una sempre maggiore difficoltà per i Comuni nel continuare ad assicurare servizi efficienti su numeri sempre più esigui di destinatari;

Visto che il Comune di Pistoia da anni gestisce in forma associata alcuni servizi rivolti ai piccoli Comuni e che quelli collinari e montani del territorio della Provincia di Pistoia hanno espresso la volontà di unirsi per giungere alla fusione in un ente unico;

Considerato che il Comune di Sambuca Pistoiese, confinante e particolarmente affine a quello di Pistoia per aspetti geomorfologici, storici, culturali, ma penalizzato dalla sua collocazione periferica, motivo di rilievo dell’abbandono da parte dei residenti;

Rilevato che il Comune di Pistoia si estende per due terzi circa del proprio territorio sull’AppenninoTosco-Emiliano e che, come previsto dalle norme sul Federalismo Fiscale, è opportuno assicurare anche agli abitanti delle zone montane la garanzia dell’erogazione di servizi;

Valutato che per i Comuni di Pistoia e di Sambuca Pistoiese può essere reciprocamente utile mirare ad una gestione condivisa del territorio anche a fini turistico-ricettivi;

Preso atto che Sindaco e Consiglio Comunale di Sambuca Pistoiese sono in procinto di chiedere alla Regione Toscana il consenso per procedere all’associare servizi con Comuni appartenenti alla Regione Emilia Romagna;

Considerato che la realizzazione di tale ipotesi comporterebbe notevoli problemi per la complessità dell’iter previsto e che implicherebbe, comunque, ad una gestione conflittuale dei servizi regolati da norme simili o diverse da quelle della regione di attuale appartenenza

IL CONSIGLIO COMUNALE
CHIEDE AL SINDACO

  • Di proporre al Comune di Sambuca Pistoiese la fusione con quello di Pistoia;
  • Di valutare l’utilità reciproca di tale fusione;
  • Di verificare l’ammontare del riconoscimento premiale che la Legge prevede per i Comuni che condividono tale fusione e di destinarlo alla rivalutazione dell’area montana di Sambuca Pistoiese.

Rosalia Billero
Federazione della Sinistra

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento