BOLLETTINO CARABINIERI 2 SETTEMBRE

COMPAGNIA CC DI PISTOIA

cc-carabinieriAGLIANA. DENUNCIATO PER EVASIONE. Ieri primo settembre, i carabinieri di Agliana, nell’eseguire alcuni accertamenti sulle persone beneficianti di misure alternative alla detenzione in carcere, accertavano che L.  P. trentaquattrenne ghanese,  ospite di una comunità del luogo dedicata al recupero dei tossicodipendenti e di persone con disagi, si era allontanato senza fare rientro.
Siccome lo stesso beneficiava degli arresti domiciliari, connessi a pregressi reati riguardanti lo spaccio di sostanze stupefacenti commessi  nel 2013 in provincia di Palermo, è stato denunciato alla locale A.G. per il reato di evasione. Lo stesso è ora ricercato su tutto il territorio nazionale.

COMPAGNIA CC DI MONTECATINI

PONTE BUGGIANESE. GUIDA SENZA PATENTE E IN STATO DI EBREZZA: DENUNCIA E SEQUESTRO DEL VEICOLO. La notte del 1° u.s., i carabinieri della Stazione di Ponte Buggianese, nell’effettuare i rilievi di un sinistro stradale con feriti, denunciavano per guida senza patente e per guida in stato di ebbrezza il conducente di uno degli automezzi  coinvolti il quale rifiutava di sottoporsi ai controlli alcolimetrici propostigli proprio perché si presentava in stato di alterazione alcoolica.
Al predetto è stato sequestrato amministrativamente il mezzo che si trova ora in custodia giudiziaria del locale deposito Aci.

MONSUMMANO TERME. LITE IN CONDOMINIO: DENUNCIA PER MINACCE, LESIONI E COLTIVAZIONE DI MARIJUANA. Nel pomeriggio del  30 agosto u.s., i carabinieri del Norm della Compagnia di Montecatini intervenivano per sedare una lite condominiale in corso a Monsummano Terme denunciando, in stato di libertà alla A.G. di Pistoia, un cittadino albanese ed un altro condomino italiano perché ritenuti  responsabili rispettivamente  dei reati di minacce aggravate, porto abusivo di coltello  e coltivazione di sostanze stupefacenti il primo e di lesioni personali l’altro.
Infatti il primo aveva minacciato uno dei condomini con un coltello mentre l’altro,  amico del primo, era passato direttamente alle vie di fatto colpendo con calci e pugni il terzo condomino che ha dovuto poi fare ricorso alle cure del P.S. dell’Ospedale di Pescia dove le  lesioni patite venivano giudicate guaribili in gg 7.
Nel  citato contesto in cui il 31enne albanese veniva trovato in possesso del coltello utilizzato per minacciare il terzo condomino coinvolto nel litigio, i carabinieri eseguivano anche una perquisizione domiciliare nel corso della quale venivano rinvenute e sequestrate 5 piante di “marijuana”, coltivate in vaso,  alte circa 80 cm.

LARCIANO. SEQUESTRO DI AUTOCARRO E CARICO. Nel corso della giornata del 1° u.s., i carabinieri della stazione di  Larciano sottoponevano a sequestro un autocarro ed il carico di due quintali di materiale ferroso raccolto abusivamente da un cittadino nord africano che dai documenti esibiti risulta aver dichiarato svolgere l’attività di domestico.

PESCIA. INGIURIE, MINACCE E PERCOSSE AL CONIUGE: DIVIETO DI DIMORA NEL COMUNE. Nel pomeriggio del 30 agosto u.s. i carabinieri della Stazione di Pescia, nell’ambito del cosiddetto protocollo rosa, notificavano a G. G. trentacinquenne pregiudicato del luogo, l’ordinanza cautelare con la quale il Tribunale di Pistoia, concordando con risultanze investigative della suddetta stazione,  gli ha imposto il  divieto dimora nel comune Pescia. Il provvedimento si è reso necessario per impedire al predetto di continuare a porre in essere, nei confronti della 30enne coniuge, gli atti persecutori  (ingiurie, minacce e percosse) di cui era oggetto, senza soluzione di continuità, da circa tre anni.

[lgt  s/m – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento