BOLLETTINO CARABINIERI 4 NOVEMBRE

COMPAGNIA CC PISTOIA

Giovanni Marruchi, dirigente dell’istituto Einaudi
Giovanni Marruchi, dirigente dell’Istituto Einaudi

PISTOIA. 22ENNE ALBANESE ARRESTATO PER VIOLENZA, MINACCIA E INGIURIA AGGRAVATE AL PRESIDE GIOVANNI MARRUCHI. I militari del Norm della Compagnia di Pistoia hanno proceduto nei giorni scorsi all’arresto di F.H., 22enne cittadino albanese, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza, minaccia ed ingiuria aggravate a pubblico ufficiale, emessa dal Gip presso il Tribunale di Pistoia.
Il giovane era stato denunciato dagli stessi militari del Norm a seguito dei fatti avvenuti qualche tempo fa presso l’Istituto professionale Einaudi, quando il dirigente scolastico (Giovanni Marruchi – n.d.r.) era stato aggredito fisicamente e pesantemente insultato e minacciato da due facinorosi facenti parte di un gruppo di giovani albanesi, peraltro estranei alla scuola, assembratisi minacciosamente fuori dell’Istituto.
Il preside aveva infatti fatto chiudere i cancelli a scopo precauzionale al fine di impedire loro l’accesso all’interno dell’immobile evitando così potenziali aggressioni al momento dell’uscita degli alunni per la fine delle lezioni.
Tale “iniziativa” sarebbe stata adottata dai giovani albanesi per tentare di “vendicare” un connazionale minorenne, alunno della scuola, il quale avrebbe avuto la peggio in un diverbio con un compagno.
F.H. era stato identificato e denunciato insieme ad un connazionale, M.A. 23enne anch’egli gravato da vari precedenti di polizia e colpito dal medesimo provvedimento cautelare, che però al momento non è stato rintracciato ed è attivamente ricercato sia in Italia che nel proprio paese. Il giovane arrestato è stato condotto presso il carcere di Pistoia.

PISTOIA. PLURIPREGIUDICATO EVASO DAI DOMICILIARI RIPORTATO IN CARCERE. Nella mattinata di ieri, i militari della Stazione di Pistoia hanno notificato ad un pluripregiudicato del luogo, E.B. 43enne, un ordine di ripristino della carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza presso il Tribunale di Massa e dalla Procura di Pistoia.
L’uomo stava scontando una pena di oltre 16 anni di reclusione per una serie di rapine ed altri reati contro il patrimonio commessi insieme a vari complici nelle provincie di Pistoia, Lucca, Massa e Prato fra il 2002 e il 2007, e da qualche tempo era stato ammesso, per gravi motivi di salute, alla detenzione domiciliare che scontava presso un familiare a Pistoia.
Nonostante ciò ha violato le prescrizioni evadendo dal domicilio facendosi sorprendere il 21 ottobre scorso all’interno del parco San Giovanni di Pistoia ove è stato soccorso dal 118 per una overdose, risolta dalle cure dei sanitari del San Jacopo, tanto da consentirgli dopo poche ore di ritornare nel proprio domicilio.
L’uomo è stato condotto presso la casa circondariale di Pistoia.

[l/a – carabinieri]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento