BOLOGNINI E IL TENNIS: «CONTRARIO ALLA CONVENZIONE: MA QUEL GIORNO NON ERO IN CONSIGLIO»

Ermanno Bolognini
Ermanno Bolognini

SERRAVALLE. In realtà la “paletta verde” della maggioranza del Comune di Serravalle, capitanato dalla Giunta Mungai, non fu – rivedendo accuratamente i fatti – del dicembre del 2013, ma (vedi) del 25 giugno di due anni fa.

Il punto in discussione in consiglio era il 7° all’ordine del giorno e prevedeva testualmente la «Convenzione per la concessione del servizio di gestione dei campi da tennis di Casalguidi dal 01.06.2011 al 31.05.2021».

Le vicende sono note e possono essere lette – con dovizia di particolari – anche dal servizio di Michela Monti su La Nazione di oggi, 5 settembre.

Noi, per l’esattezza, avevamo telefonato ieri pomeriggio a Ermanno Bolognini. Lo avevamo fatto alle 16:22, dopo che avevamo ricevuto la soffiata di Radio Scarpa (vedi) sugli avvisi di garanzia: ci aspettavamo che Bolognini potesse dirci e darci qualche conferma, ma il consigliere di Serravalle Futura era letteralmente caduto dalle nuvole – e non abbiamo motivo di non credergli, perché di solito è implacabile con i comportamenti e le decisioni del Pd del suo Comune.

Il Tirreno, 5 settembre 2015 - Giunta Serravalle
Il Tirreno, 5 settembre 2015 – Giunta Serravalle

“Non so niente, assolutamente niente – ci aveva risposto –. Ma se le cose stanno così, è evidente che il mio punto di vista sui campi da tennis e sulla loro gestione non era assolutamente sbagliato; non era né un sogno né una mia invenzione”.

Sin qui ieri pomeriggio. Stamattina lo abbiamo chiamato di nuovo alle 11:16. Per commentare le notizie uscite su Nazione e Tirreno. Bolognini ha ripetuto quello che ci aveva già detto, con il suo stile e con il suo rigore. Ma ha aggiunto anche altri particolari.

“Avevamo fatto osservazioni a Mungai e alla sua Giunta – ha detto – quando ancora eravamo Serravalle Futura a tre: Gorbi, io e Manigrasso. Avevamo cercato di riportare Mungai e i suoi alla ragione, viste le incongruenze della decisione che l’amministrazione aveva deciso di prendere (per maggiori chiarimenti, vedere quin.d.r.). Non è esatto, però, scrivere, come ha scritto Il Tirreno, che la mia opposizione venne fuori in consiglio comunale: perché quel giorno, io, in consiglio non c’ero. Come non c’era, ed è stato scritto, neppure il consigliere Gianni Catalano. Noi di Serravalle Futura avevamo fatto osservazione prima del consiglio stesso: ma io, ripeto, in consiglio non c’ero”.

La Nazione, 5 settembre 2015 - Giunta Mungai e tennis
La Nazione, 5 settembre 2015 – Giunta Mungai e tennis

Che Bolognini non sia tenero nei confronti della maggioranza serravallina è chiaro e noto a tutti. Era stato Assessore allo sport, alla casa e al sociale nell’amministrazione Mochi, ma, per dissensi, sin quasi da sùbito, sul modus operandi della politica serravallina, Bolognini era stato messo progressivamente in un angolo fino a ridurlo a un’emarginazione che lo aveva costretto a gettare la spugna e a uscire di Giunta.

Da qui la sua decisione di continuare altrove in politica per vedere di raddrizzare quelle che – secondo lui – sono le cose che non vanno a Serravalle. E che – sempre secondo lui – sono fin troppe.

Su questo episodio Bolognini si riserva di preparare una valutazione scritta da inviare alla stampa nei prossimi giorni.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento