borsa e ottimismo. VEDO NERO, NERISSIMO

Il consiglio è: state lontani dalla borsa, se non avete il pelo sullo stomaco...
Sp500, il listino di Wall Street
Sp500, il listino di Wall Street

DUNQUE ieri c’è stato il rimbalzo delle borse: i giornali cartacei subito a esaltarsi (ho letto una incredibile intervista ad un sedicente economista su un noto quotidiano Nazionale…) in realtà, chi segue per lavoro e non perché si è laureato e non ci ha mai messo un tallero di tasca sua (curiosi sti economisti che insegnano ma non mettono in pratica….) aveva capito sin dal primo pomeriggio, quando la Yellen ha praticamente sconfessato se stessa, che buttava male (io ho acquistato yen appena prima che parlasse…).

Infatti oggi siamo al bagno di sangue. Sono momenti convulsi. Lo yen ha sparato in alto a testimonianza del clima di panico che sta impossessandosi delle borse e proprio in questi istanti ci sono rumors di un intervento d’emergenza della Boj (Banca del Giappone).

Io vi ragguaglierò come sempre in modo completo nel fine settimana. Intanto vi lascio un grafico dello Sp500, il listino di Wall Street.

Si vede bene che siamo a livelli di Fort Apache: se cede questo livello tecnico, come vedete dalle frecce viola, quello che abbiamo visto sino ad oggi, con il listino della Borsa di Milano sceso ai livelli del 2013, sarà stato solo il prologo. Il consiglio che mi sento di dare è: state lontani dalla borsa, se non avete il pelo sullo stomaco.

Non è il momento di comprare.

[Massimo Scalas]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento