BREDA. COSÌ, TANTO PER RINFRESCARSI UN PO’ LA MEMORIA…

«Colei» dei nostri guai
«Colei» dei nostri guai

PISTOIA. Il dibattito è apertissimo e vivace su questo link del Facebook di Roberto Bartoli (vedi), con tanto di interventi, risposte e commenti.

Lo consigliamo vivamente a tutti i lettori – nostri e non nostri, ma che ci seguono ugualmente.

Le posizioni ci sono tutte, pare, e in ogni possibile sfumatura: per cui c’è da rifarsi una cultura, solo che si ripensi a partire da 3-4 anni fa, quando il problema, come il soufflé, iniziava a montare.

Una volta una canzone diceva Se stasera sono qui, è perché ti voglio bene.

A noi, noti bastian contrari, piace ripetere che, se oggi siamo qui, è perché la politica non è che non abbia fatto niente: ha fatto fin troppo. E nel peggior senso della parola: mangiando il mangiabile a spese dell’amato popolo.

Minus habentes e poco intelligenti come siamo, già anni indietro facevamo presente a tutti – in mezzo ai fischi e alle pernacchie – che saremmo arrivati a questi punti. Punti di non ritorno.

Facebook di Roberto Bartoli
Facebook di Roberto Bartoli

È un peccato che nessuno si accorga, neppure ora, che la retorica politica è finita: come del resto la speranza, che, con la sua fine, ha preceduto tutto e tutti da un pezzo.

E stiamo ancora qui ad aspettare una soluzione per la Breda quando nessuno si avvede – e basta solo un pizzico di lucidità – che né Letta, né Renzi, né altri sanno cosa fare e sanno come farlo: aspettano solo il default.

Ma se aspettano ancora un po’, c’è il rischio che una bella mattina qualcuno, alzandosi, dica: «Allora, ragazzi, da oggi niente più stipendi e niente pensioni!».

Eppure, a questo punto, perfino le sinistre si sono accorte che la Merkel ce le avrebbe rotte…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento