buggiano. A PALAZZO PRETORIO LA PITTURA E SCULTURA DI ALEX MILANI

Uno dei quadri di Alex Milani

BUGGIANO. Le opere di Alex Milani, artista di origini svizzere (nato a Basilea nel 1934) ma residente in Toscana ormai da 43 anni, in una mostra nelle sale del Palazzo Pretorio.

Domenica 3 settembre alle ore 17 su iniziativa dell’associazione culturale Buggiano Castello (con il patrocinio del comune) si terrà l’inaugurazione di una “personale” che racconterà con quadri e sculture il legame stretto dall’artista con Buggiano Castello, luogo di ispirazione per le sue opere.

I quadri in acrilico realizzati fra il 2014 e il 2016 si compongono in forme astratte che liberamente si sviluppano sulla tela in modo simile ai processi di crescita del mondo della Natura.

Le sculture (tutte utilizzando legno di quercia) sono state realizzate nel 2016 e 2017 anche se le prime esperienze risalgono al periodo successivo alla grande gelata del 1984 quando l’artista utilizzò gli ulivi danneggiati seriamente per i suoi lavori.

Milani dopo avere praticato per molti anni il pubblicitario ha iniziato a dipingere nel 1973 all’arrivo a Buggiano Castello dove gestiva un agriturismo. Lasciata la pubblicità ha continuato l’attività di ristoratore in Svizzera dove aveva aperto una enoteca e dove si recava con una certa regolarità.

La locandina

Nel 2000 ha deciso di stabilirsi definitivamente a Borgo a Buggiano.

Così si racconta:

Cari amici. Si è così – da 43 anni vivo qui e mi sento a casa. Dopo tanto tempo vissuto a Buggiano, anche se ancora non parlo bene l’italiano questa è diventata la mia seconda patria.

Ho tante qualità ma nelle lingue non sono forte. Le opere artistiche sono il motore della mia vita e con loro serenamente affronto la vecchiaia perché non la considero una malattia.

Sono rimasto giovane nel pensare e nel sentire e vivo ogni momento nel presente. Non voglio star fermo e lo stile della mia pittura è in continuo sviluppo con colori molto vivaci. I miei quadri non sono titolati ed ogni visitatore può dar liberi giudizi di quel che vede e sente.

La mostra resterà aperte tutte le domeniche fino al 29 ottobre dalle 16 alla 19. Ingresso gratuito.

[Andrea Balli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento